Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia: Fiat non vende ma Marchionne guadagna 38 mln l’’anno

Italia: Fiat non vende ma Marchionne guadagna 38 mln l’’anno

Marchionne si occupa di macchine a petrolio, un settore che è in discesa da 12 anni. Lui lo ammette senza problemi. Il mercato dell’auto è “orribile”. Più per la Fiat che per gli altri costruttori, ma questo per lui sembra dettaglio. Il suo reddito resta comunque straordinario. E’ riuscito nell’impresa di rendere il suo stipendio una variabile indipendente dal mercato.
Mentre le perdite della Fiat aumentano i suoi compensi invece reggono, come nessun comparto, tra emolumenti e stock options.
Nel mese di marzo la Fiat ha perso il 36,08% delle vendite rispetto allo stesso mese del 2011*. L’Alfa il 45,59%, quasi metà della sua produzione. Il peggior risultato degli ultimi 32 anni.
I diritti dei lavoratori sono il problema: strano per uno che Napolitano ha premiato con il riconoscimento di Cavaliere del Lavoro (il lavoro di chi?)
Nel periodo 2004-2009 ha totalizzato compensi in azioni per 255 milioni di euro pari a circa 38 milioni di euro l’anno: 1.037 volte lo stipendio di un suo dipendente medio.
In compenso, la quotazione di Fiat Gruppo è passata in cinque anni dal valore di 23 euro, luglio del 2007, a quello di inizio aprile 2012 (dopo la scissione) di circa 4,3 euro.  
Con numeri come questi, di crollo delle vendite e delle azioni*, qualunque amministratore sarebbe stato licenziato all’istante. Marchionne no.
Bravi come lui sono pure il presidente John Elkann che ha avuto 1.344.000 euro, e il numero uno della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, con 5.552.000 euro.
 
* Da Il messaggero di Giovedì 15 Marzo 2012 e da http://it.finance.yahoo.com/echarts?s=F.MI#symbol=f.mi;range=5y;compare=;indicator=volume;charttype=area;crosshair=on;ohlcvalues=0;logscale=off;source=undefined
 
“Il mega-stipendio di Marchionne. Nel 2011 Marchionne ha ricevuto per Fiat spa un compenso fisso di 2,45 milioni di euro. Marchionne ha percepito poi una remunerazione di 2,556 milioni di euro come presidente di Fiat Industrial. Il presidente John Elkann ha avuto invece 1.344.000 euro, Luca Cordero di Montezemolo, numero uno della Ferrari, 5.552.000 euro. Complessivamente però, secondo i calcoli fatti da Massimo Mucchetti sul Corriere della Sera, Marchionne nel periodo 2004-2009 ha totalizzato compensi in azioni per circa 255 milioni di euro, pari a più o meno 38 milioni di euro l’anno. Una cifra che è 1.037 volte lo stipendio del suo dipendente medio”.

Print Friendly, PDF & Email