Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia. E commerce: cresce il fatturato ma solo il 10% delle imprese vende on line

Italia. E commerce: cresce il fatturato ma solo il 10% delle imprese vende on line

Oltre il 10 per cento delle imprese vende on line con una quota di fatturato raddoppiata rispetto a qualche anno fa. Lo riferisce la Cna su dati Eurostat. “E’ la conferma di una tendenza crescente all’utilizzo di questi nuovi strumenti che già una nostra ricerca aveva intercettato. Ma, nonostante i tanti passi in avanti, l’Italia rimane nelle retrovie delle classifiche europee mentre nel mondo cresce la voglia di Made in Italy”, afferma il presidente nazionale della Cna, Daniele Vaccarino.
“E’ un controsenso – prosegue Vaccarino – al quale bisogna porre fine. L’Italia non può non perseguire questa strada di modernità e allineamento ai tempi che può creare lavoro e benessere”.
Secondo il numero uno della confederazione degli artigiani “si tratta di una opportunità cruciale per il nostro tessuto produttivo, composto soprattutto da artigiani, micro e piccole imprese che solo on line potrebbero rivolgersi al cosiddetto sesto continente, il mercato sul web, composto da oltre tre miliardi di utenti, destinati a diventare cinque nel giro di pochi anni”.
“Consapevole che le piccole imprese hanno bisogno di un forte sostegno, la Cna – sottolinea Vaccarino – ha avviato un processo di contaminazione digitale delle imprese per fornire agli iscritti informazioni e strumenti adeguati ad affrontare le nuove sfide del mercato. Ma non basta. C’è bisogno di stanziare risorse a favore delle imprese per stimolarle a imboccare questa strada. E’ molto importante che gli investimenti programmati sulle infrastrutture digitali vengano avviati rapidamente. Altrettanto importanti il voucher digitale e gli investimenti sulla banda ultra-larga. Il traguardo che dobbiamo porci, ambizioso ma alla nostra portata, è quello di portare, nell’arco di due anni al massimo, l’esiguo 10 per cento di imprese che vende on line ad almeno un quarto della platea imprenditoriale italiana, con una predominanza di piccole imprese”.
“E’ un obiettivo credibile, consapevoli, come siamo tutti, che le produzioni italiane, per la loro qualità, dispongono – conclude Vaccarino – di una marcia in più della concorrenza e possono conquistare meglio di chiunque queste nuove praterie del commercio mondiale”.

Print Friendly, PDF & Email