Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia. Crisi, Coldiretti: -10% spesa per zucche Halloween e riduzione sprechi

Italia. Crisi, Coldiretti: -10% spesa per zucche Halloween e riduzione sprechi

La spesa degli italiani per acquistare le tradizionali zucche da esporre intagliate su finestre e balconi scende del 10 per cento, ma la novita’ di quest’anno e’ che per ridurre gli sprechi in un momento di crisi aumentano quanti la recuperano in cucina per preparare gustosi piatti. E’ quanto rileva Coldiretti nel sottolineare che nonostante il fatto che la produzione di zucche sia stata leggermente superiore, gli acquisti sono stati ridotti per la crisi che ha colpito duramente l’intero business della notte di Halloween.

In Italia – sottolinea la Coldiretti – sono circa 13 milioni le persone che festeggiano la ricorrenza di Halloween per una spesa complessiva tra maschere, dolcetti e festeggiamenti che e’ scesa a circa 250 milioni nel 2013. L’aspetto positivo – precisa la Coldiretti – risiede nel fatto che, a tradizione rispettata, le zucche finiscono in massima parte in padella per alimentare una gastronomia che ha nel periodo autunno-invernale la sua massima espressione. In Italia – sottolinea la Coldiretti – quasi un chilo di zucca a testa viene consumato per preparare gustosi banchetti, piuttosto che per decorare le case, anche se l’affermarsi della notte delle streghe ha aperto il nuovo “mercato” delle zucche intagliate con le quali si cimentano un numero crescente di italiani. Quest’anno la produzione di zucche Made in italy e’ lievemente superiore a quella dello scorso anno, mentre i prezzi sono sostanzialmente stabili. Il raccolto, comunque – informa la Coldiretti – e’ di buona qualita’ e si dovrebbe attestare intorno ai 50 milioni di chili, con prezzi superiori all’euro per chilo di zucca al consumo. In Italia la coltivazione nazionale di zucche copre complessivamente una superficie di circa duemila ettari di terreno localizzati soprattutto in Lombardia (Mantova, Cremona, Brescia), Emilia-Romagna (Ferrara), Veneto (Venezia) e Campania. Si tratta per la quasi totalita’ di prodotti destinati al consumo alimentare anche se cresce la coltivazione di varieta’ di zucche a scopi ornamentali o da “competizione” con esemplari che possono arrivare anche a 400 chili di peso.

 

Print Friendly, PDF & Email