Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia, consumi: mai così male dal dopoguerra

Italia, consumi: mai così male dal dopoguerra

Ai minimi storici dal dopoguerra. E’ la previsione di Confcommercio relativa ai consumi pro capite del 2012 nel nostro Paese. A spiegarlo, nel corso di una conferenza stampa convocata per presentare dati e previsioni sulla crisi, e’ stato il direttore dell’ufficio studi di Confcommercio, Mariano Bella. La previsione di un calo del 2,7% dei consumi per quest’anno e’ stata rivista al ribasso, arrivando a -2,8%, con un ulteriore abbassamento dello 0,8% previsto per il prossimo anno. Non solo i consumi, anche il Pil raggiunge in questo anno di crisi profonda i suoi minimi storici, arrivando a -2,2%, scendendo ulteriormente rispetto al -1,3% di marzo. Un decremento che proseguira’ anche nel 2013, quando la discesa del prodotto interno lordo nazionale si attestera’ a -0,3%.
   In caduta libera anche gli investimenti, -6,5%, e giu’ anche le importazioni, -3%. “Per vedere i primi segni di ripresa – ha osservato il direttore dell’ufficio studi di Confcommercio – dovremo aspettare il primo quarto del 2013”.
   Nel frattempo, osserva Confcommercio, il settore dei servizi si conferma un asset fondamentale per la nostra economia, oltre all’industria, al punto da aver assorbito parte delle risorse, in termini di valore aggiunto e risorse umane, espulse da indistria ed agricoltura sebbene, alla fine di quest’anno, si prevede saranno oltre 20mila gli esercizi commerciali che avranno abbassato dfinitivamente le saracinesche. “Una stima – ha concluso Bella – forse addirittura ottimistica”.

Print Friendly, PDF & Email