Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia, Confindustria: paese sul baratro

Italia, Confindustria: paese sul baratro

 

E’ durissimo il commento del presidente di Confindustria Emma Marcegaglia riguardo l’andamento dello spread e delle Borse:”Nonostante alcune decisioni prese Ieri dal governo e dal presidente del consiglio,

Silvio Berlusconi, in queste ore stiamo vivendo un momento drammatico. Oggi siamo nel baratro”. Marcegaglia ha aggiunto: “Non ci meritiamo di finire come la Grecia. Sono anni che chiediamo riforme, è necessaria una grande discontinuità ma nulla è stato fatto”.
“Momento drammatico”. Spiega Marcegaglia: “Tra qualche ora ci sarà il Comitato di presidenza di Confindustria, non c’è dubbio che siamo nel baratro, è davvero un momento drammatico per il Paese”. Il presidente di Confindustria sottolinea che “nonostante alcune decisioni prese dal governo e dal presidente Berlusconi stiamo vivendo un momento drammatico con lo spread tra Btp e bund a 570 punti e le borse che stanno perdendo più del 4%”, ha detto Marcegaglia.
“Il paese ha bisogno di altro”.
“E’ evidente che quanto fatto fino ad ora non è stato ritenuto nè credibile nè sufficiente”, dice Marcegaglia, “Il paese ha bisogno di altro”, avverte: “Non possiamo stare neanche per molte ore in questa condizione perche questo vuol dire rischiare che l’Italia non abbia più la possibilità di finanziarsi e questo può avere conseguenze drammatiche”.
Intanto continua il toto-nomi per la successione alla presidenza di Confindustria, l’unica candidatura “mi sembra di capire sia quella di Alberto Bombassei”: e’ l’opinione dell’amministratore delegato di Eni, Paolo Scaroni, in partenza per una missione in Mozambico dove il ‘cane a sei zampe’ ha recentemente individuato un mega-giacimento di gas off-shore.
Bombassei, argomenta Scaroni, “oltre ad essere un formidabile imprenditore, ha una lunga esperienza in Confindustria.
Bombassei mi ha chiamato e l’ho incontrato un paio di settimane fa: siamo rimasti d’accordo – ha concluso Scaroni – per incontrarci di nuovo prima della fine dell’anno per parlare del futuro della nostra Confindustria” .

Print Friendly, PDF & Email

Condividi