Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia, Confcommercio su nuova tassa rifiuti: “aumenterà del 290%”

Italia, Confcommercio su nuova tassa rifiuti: “aumenterà del 290%”

 Le nuove norme sulla gestione dei rifiuti comportano , “un incremento medio dei costi per il servizio urbano dei rifiuti del 290% e per alcune tipologie di attivita’ incrementi medi superiori al 400%, come per la ristorazione, o addirittura al 600%, come per l’ortofrutta e le discoteche”. Queste le stime della Confcommercio. Il nuovo tributo comunale, Res, previsto nel decreto “Salva Italia”, che sostituisce gli attuali (Tarsu, Tia1 e Tia2), comprende, oltre alla quota ambientale per lo smaltimento dei rifiuti, anche una quota “servizi” per la sicurezza, l’illuminazione e la gestione delle strade (cosiddetti, servizi indivisibili) e dovra’ essere corrisposto da chiunque possegga, occupi o detenga a qualsiasi titolo, locali o aree scoperte suscettibili di produrre rifiuti. “In attesa dell’emanazione dell’apposito regolamento ministeriale, l’entrata in vigore del nuovo regime tariffario Res dal 1 gennaio 2013 – si legge in uno studio della Confcommercio – comportera’, dunque, un aumento spropositato delle tariffe sui rifiuti calcolate sulla base dei coefficienti contenuti nel Dpr 158/1999. Dalle nostre elaborazioni emerge, infatti, un incremento medio dei costi per il servizio urbano dei rifiuti del 290% e per alcune tipologie di attivita’ incrementi medi superiori al 400%, come per la ristorazione, o addirittura al 600%, come per l’ortofrutta e le discoteche”. E gli aumenti, secondo le simulazioni della Confcommercio, in alcuni casi sono stratosferici. Una discoteca o night club di 200 metri quadri che attualmente 558,90 euro di Tarsu, con la nuova normativa dovrebbe sborsare 4.433,91 euro. Analogo l’aumento per un negozio ‘tipo’ di ortofrutta, pesce o pizza al taglio: il tributo sale da 401,35 a 3.038,40 euro. Consistente incremento anche per un bar o pasticceria di 100 metri quadri: la tassa sale da 401,35 a 1.691,29 euro mentre un ristorante o pizzeria di 200 metri quadri che attualmente paga 802,70 euro , con la nuova normativa dovrebbe pagare una Res di 4.734,98 euro”.

Print Friendly, PDF & Email