Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia, carburanti: il pieno? Lo faccio in Svizzera

Italia, carburanti: il pieno? Lo faccio in Svizzera

Il prezzo della benzina in Svizzera è tornato conveniente dopo l’innalzamento dell’accisa sui carburanti prevista dalla manovra del governo Monti. Tanto conveniente che nonostante lo sconto regionale per i territori italiani sulla fascia di confine, il risparmio oltre frontiera è di 8,8 euro per un pieno di 40 litri. Risparmio che raddoppia per chi non beneficia dello sconto poiché risiede a più di 20 chilometri dal confine. Un esempio di prezzi applicati a due distributori della stessa catena (Agip), uno a Chiasso (in Svizzera) e uno a Como (viale Rosselli): la senza piombo costa 1,364 euro al litro in Svizzera e 1,643 in Italia. Il diesel costa 1,535 euro al litro in Svizzera e 1,631 a Como. Anche il gasolio conviene: fare il pieno di diesel in Ticino può portare a un risparmio. Visto che lo sconto regionale non riguarda il diesel è facile immaginare il flusso di italiani che varcano la dogana per fare il pieno di gasolio. E’ bastato andare a vedere cosa succede a Chiasso: agli impianti dei benzinai code di auto con targhe solo italiane.
Proprio la mancanza dello sconto anche per il gasolio è una delle problematiche che la categoria dei benzinai sta sottoponendo alla Regione Lombardia. “Si vorrebbe, infatti – commenta la presidente dei benzinai Figisc Confcommercio, Daniela Maroni – che lo sconto fosse esteso anche al diesel”. L’aumento dei prezzi del carburante in Italia, però, porta con sé numerose altre conseguenze negative per i gestori delle pompe di benzina: “C’è grande preoccupazione, non solo per gli incassi persi, ma anche per il mantenimento dei posti di lavoro. Se torna ad essere conveniente il pendolarismo del pieno, è facile immaginare i risvolti negativi sull’occupazione nel nostro settore a Como e nelle altre zone di confine”.
A questo punto viene da domandarsi quali benefici reali abbia portato la sostituzione della vecchia carta sconto benzina con la carta regionale dei servizi (CRS). La CRS, infatti, avrebbe dovuto garantire la modulazione dello sconto applicato in Italia sulle fasce di confine in tempo reale a seconda dell’andamento dei prezzi dei carburanti in Italia e in Svizzera e del loro raffronto. Questo non è ancora avvenuto. Daniela Maroni spiega che “fino ad oggi i 18 centesimi di sconto al litro erano sufficienti per rendere vantaggioso fare rifornimento in Italia, anche rispetto alla variazione del cambio franco/euro. Ora però è urgente rendere attiva la flessibilità dello sconto. Altrimenti finirà che non solo chi abita entro i 20 chilometri dalla vicina Svizzera andrà oltre confine a fare il pieno, ma anche chi abita più lontano”.
Ricordiamo che lo sconto introdotto da Regione Lombardia è di 18 centesimi per chi abita entro 10 chilmetri dal confine, e di 10 centesimi per chi abita tra i 10 e i 20 chilometri dal confine.
Quicomo.it

Le stelle polari sono concorrenza e mercato. L’obiettivo è colpire le rendite di posizione e gli interessi consolidati. Se non è un bluff, la prossima settimana il Governo di Mario Monti potrebbe alzare il velo sulla fase 2 (o «Cresci Italia») e mettere in pista il pacchetto per le cosiddette liberalizzazioni. Farmacie, taxi, benzinai, notai, servizi pubblici locali (acqua in testa) i primi capitoli del progetto in mano al sottosegretario alla presidenza del Consiglio. Con il suo passato alla guida dell’Antitrust, Antonio Catricalà deve gestire uno dei dossier più caldi dell’Esecutivo. L’operazione non sarà certo conclusa in sette giorni. Si parte dai suggerimenti arrivati proprio dall’Autorità garante della concorrenza, ora presieduta da Giovanni Pitruzzella. E già da domani potrebbero prendere corpo alcune misure. In cima alla lista c’è la benzina. Con gli aumenti dei carburanti, Monti potrebbe mettere il piede sull’acceleratore per favorire un contenimento dei prezzi alla pompa.
La riforma è sul tavolo del ministero dello Sviluppo economico da anni.   E nei giorni scorsi il dossier è stato seguito dal sottosegretario, Claudio De Vincenti, che ha visto alcune associazioni e altri incontri potrebbero essere in agenda a breve fino a una riunione complessiva con tutti gli attori coinvolti. Tra le ipotesi, in particolare, l’eliminazione dell’esclusiva, che però sembra non convincere nessuno né i gestori né i petrolieri. La prospettiva, tutta da verificare, è quella di vendere la benzina ai supermercati senza alcuna limitazione. Sul fronte dei taxi, il Governo potrebbe aprire il mercato procedendo con licenze compensative, dando la possibilità agli attuali titolari delle licenze di vedersene assegnata un’altra gratuitamente: ma i tassisti promettono battaglia. Altra idea, passando alle Poste, è scorporare il Banco Posta e delimitare il perimetro del servizio universale limitandolo esclusivamente a servizi veramente essenziali. Allo studio l’ipotesi di ridurre la durata dell’affidamento del servizio a Poste (ora a 15 anni).
Assai delicato il capitolo farmacie. L’apertura delle parafarmacie fu uno degli elementi più forti delle lenzuolate targate Bersani: adesso si potrebbe  andare oltre, con la deregulation per la fascia C e l’aumento del numero delle farmacie. Verrebbe ampliata la possibilità della multi-titolarità in capo a un unico titolare, aumentando il numero massimo da 4 a 8.
Delicato il capitolo sulle reti. L’Antitrust definisce questioni «impregiudicate» sia lo separazione proprietaria di Snam Rete Gas da Eni sia quella di Rfi dalla holding Fs. Poi c’è la questione dei servizi pubblici locali. Gli enti locali potrebbero essere obbligati a  verificare la possibilità di una gestione concorrenziale con procedure aperte di manifestazione di interesse degli operatori del settore. Poche difficoltà, invece, sul fronte banche e assicurazioni.Dovrebbe essere   vietata a stretto giro  la vendita di polizze abbinate ai mutui. L’Esecutivo potrebbe trovare più di una resistenza con il capitolo delle professioni: l’idea è  eliminare le ultime deroghe sulle tariffe minime e accelerare il provvedimento che disciplina le società professionali. Qualche lamentela è già arrivata dai notai.
A conti fatti, insomma, Monti ha alzato l’asticella. Si tratta – non cè dubbio  – di obiettivi è ambizioso: «Faremo saltare i colli di bottiglia» ha  promesso il premier. Un’immagine, quella  usata dal presidente del Consiglio, che  sintetizza il senso di un’operazione che ritiene cruciale per l’intera strategia di sostegno alla crescita che vuole mettere in campo. Le liberalizzazioni, ha assicurato il professore della Bocconi, «saranno equilibrate e pragmatiche ma non timide». Parole che, inevitabilmente, si legano ai dolorosi passi indietro che, proprio sul fronte delle liberalizzazioni, ha dovuto incassare durante l’iter della manovra in Parlamento. E il rischio di un bis non è da scartare.
Fonte: libero

Print Friendly, PDF & Email