Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia. Bankitalia rivede al rialzo le stime per la crescita del PIL

Italia. Bankitalia rivede al rialzo le stime per la crescita del PIL

La Banca d’Italia rivede al rialzo le stime per la crescita del Pil nel 2017, fissandola a +1,4% contro il precedente 0,9% di gennaio, già in parte corretto nelle scorse settimane a +1,3% dopo la revisione del dato sul primo trimestre dell’Istat. Nel bollettino economico, l’istituto centrale prevede ora un aumento dell’1,3% nel 2018 e dell’1,2% l’anno successivo. Palazzo Koch sottolinea come la spinta arriverebbe dalla domanda interna.

Nel primo trimestre del 2017, fanno sapere da Via Nazionale, “il Pil è cresciuto dello 0,4% rispetto al periodo precedente. Sulla base di nostre valutazioni, nel secondo trimestre il Prodotto interno lordo avrebbe continuato a crescere a un ritmo pressoché analogo a quello registrato nel primo”.

Crescono i consumi – Secondo la Banca d’Italia, i consumi delle famiglie continueranno a crescere “a ritmi analoghi a quelli del Pil e del reddito disponibile”, anche se con un “lieve rallentamento rispetto al biennio 2015-16”: l’incremento sarà dell’1,2% nel 2017 e nel 2018 (contro il +1,3% del 2016) e dell’1,1% nel 2019. Il reddito disponibile, spiegano ancora gli esperti, “sarebbe frenato dal rincaro delle materie prime energetiche osservato a partire dall’estate dello scorso anno, ma verrebbe sospinto dalla crescita dell’occupazione”.

Effetto incentivi: investimenti ancora in aumento – Anche gli investimenti continueranno a crescere nei prossimi anni, con un +2,7% quest’anno (dal +3,1% del 2016), un +3,1% l’anno prossimo e un +1,9% nel 2019. Nel bollettino di Bankitalia si legge inoltre che “l’espansione degli investimenti, avviatasi dalla fine del 2014, proseguirebbe a ritmi relativamente sostenuti. L’accumulazione di capitale produttivo crescerebbe in media di circa il 3% l’anno, beneficiando del rafforzamento delle prospettive di domanda, del permanere di condizioni finanziarie ampiamente favorevoli e degli incentivi fiscali”.

Print Friendly, PDF & Email