Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia. Agricoltura, Eurispes: lavoro sommerso incide per il 32 per cento

Italia. Agricoltura, Eurispes: lavoro sommerso incide per il 32 per cento

Il lavoro sommerso incide per il 32% nel comparto agricoltura italiano. Il dato si riferisce ai primi sei mesi del 2014. Lo riferisce l’indagine #Sottoterra, commissionata e pubblicata da Uila, Unione italiana lavori agroalimentari, e Eurispes. Il dato percentuale e’ in peggioramento: 27,5% nel 2011, 29,5% nel 2012, 31,7% nel 2013. Secondo il segretario generale della Uila Stefano Mantegazza, “i dati della ricerca mostrano che il lavoro nero e irregolare rappresenta per l’Italia, molto piu’ che per gli altri paesi europei, una realta’ grave e di ampia dimensione con la quale il Paese deve fare i conti e deve farli in fretta. Non possiamo permetterci di presentarci all’appuntamento di Expo 2015 con un’agricoltura che nel definirsi ‘di qualita”, nasconde dietro di se’ un’incidenza di oltre il 30% di lavoro nero o irregolare”. “Occorre – continua Mantegazza – che governo e parlamento diano un segnale forte e chiaro in tal senso, trasformando in legge la proposta unitaria di Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil, che mira a realizzare una ‘rete del lavoro agricolo’ per promuovere e gestire l’incontro domanda-offerta di lavoro in un quadro di trasparenza e incentivazione per le imprese virtuose”. I dati del rapporto sono sintomatici rispetto al momento di crisi vissuto dal mondo del lavoro italiano: l’economia sommersa nel nostro Paese ha generato a partire dal 2007 almeno 549 miliardi di euro l’anno. Al Mezzogiorno, le unita’ di lavoro non regolari superano il 25% del totale, con Campania e Calabria in testa. La maggior parte di questi e’ formata da stranieri, ma non mancano operai italiani giunti nelle campagne dopo chiusure di fabbriche e aziende o licenziamenti improvvisi.

Agricoltura: Eurispes, operai ‘schiavi’ pagati 1,60 euro l’ora

Venti euro al giorno in nero per 12 ore di lavoro nei campi dall’alba al tramonto, corrispondenti a 1,60 euro l’ora, un quinto del minimo sindacale. I dati sono del rapporto #Sottoterra di Uila, Unione italiana lavori agroalimentari, e Eurispes, e raccontano la storia della “nuova schiavitu'” nei campi italiani. Per i lavoratori agricoli sommersi questi prezzi sono praticamente la regola: 1,90 euro l’ora dalle 5 della sera alle 5 del mattino – si legge nel dossier – chi 35 euro al giorno per raccogliere le ciliegie o 38-40 euro al giorno come bracciante nei campi sono le altre possibilita’ di retribuzione. Il lavoro informale e non dichiarato, poi, richiama ovviamente l’attenzione della criminalita’: secondo il rapporto Eurispes, il volume d’affari dell’agromafia e’ stimato in circa 14 miliardi di euro. Solo due anni fa questa cifra si attestava intorno ai 12,5 miliardi.

Print Friendly, PDF & Email