Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieItalia e EuropaItalia, 30% a rischio povertà: record nell’UE

Italia, 30% a rischio povertà: record nell’UE

Il rischio di poverta’ o di esclusione sociale e’ cresciuto per l’Italia dal 26,3% del 2010 al 29,9% del 2011, un livello significativamente superiore alla media europea. La variazione negativa di 3,3 punti percentuali e’ la piu’ elevata registrata nei Paesi compresi europei. E’ quanto emerge dal Rapporto sulla coesione sociale realizzato da Istat, Inps e ministero del Lavoro. Nel 2011, spiega il rapporto, “le famiglie in condizione di poverta’ relativa sono in Italia 2 milioni 782 mila (l’11,1% delle famiglie residenti) corrispondenti a 8 milioni 173 mila individui poveri, il 13,6% dell’intera popolazione. Nel corso degli anni, la condizione di poverta’ e’ peggiorata per le famiglie numerose, con figli, soprattutto se minori, residenti nel Mezzogiorno e per le famiglie con membri aggregati, dove convivono piu’ generazioni”. 
   Nel 2011, segnalano ancora Istat, Inps e ministero del Lavoro, “l’incidenza della poverta’ relativa e’ pari al 27,8% fra i minorenni se questi vivono con i genitori e almeno due fratelli (10,1% se si fa riferimento alla poverta’ assoluta), mentre e’ pari al 32% (18,2% nel caso della poverta’ assoluta) se vivono in famiglie con membri aggregati. La poverta’ relativa mostra alcuni segnali di miglioramento fra gli anziani; tuttavia, una vulnerabilita’ in termini economici permane soprattutto nel Mezzogiorno, dove risulta relativamente povero il 24,9% degli anziani (7,4% quelli assolutamente poveri)”. Nel 2010, in Italia risulta “materialmente deprivato” il 25,8% delle famiglie residenti nel Mezzogiorno, (contro il 15,7 della media nazionale), valore che raggiunge il 30% in Sicilia e in Campania. Secondo il rapporto, “segnali di peggioramento si osservano per le famiglie che non si possono permettere di riscaldare adeguatamente l’abitazione (che passano dal 10,6% del 2009 all’11,5%) e per quelle che arrivano con molta difficolta’ alla fine del mese (dal 15,3 al 16%). Risultano invece sostanzialmente stabili le quote di famiglie che non si possono permettere una settimana di ferie lontano da casa almeno una volta all’anno e non possono far fronte a una spesa imprevista con mezzi propri. Nel Mezzogiorno il rischio di poverta’ o di esclusione sociale supera la media nazionale di circa 15 punti percentuali (39,5% contro 24,6%) ed e’ piu’ del doppio rispetto al valore del Nord (15,1%); inoltre e’ maggiore fra le famiglie con tre o piu’ figli (37,1%) e fra quelle monogenitore (35,7%)”. 

Print Friendly, PDF & Email