Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'industrialeIn Abruzzo agevolazioni fino al 50% Obiettivo One Con la ricerca cambieremo faccia alla regione

In Abruzzo agevolazioni fino al 50% Obiettivo One Con la ricerca cambieremo faccia alla regione

di MARIA PAOLA IANNELLA

 

Il decreto del Ministero delle Finanze e dell’Economia del 10 ottobre 2003 ha inserito l’Abruzzo e il Molise nelle aree che godono dei contributi per la ricerca: nella nostra regione arriveranno agevolazioni in conto spese fino al 50% per le imprese che avviano programmi di ricerca congiuntamente all’Università o ad enti pubblici!

“E’ come essere tornati nell’Obiettivo 1 – dice Gaetano Clavenna, Presidente dell’Unione Provinciale degli Industriali dell’Aquila – non ricordo un momento più favorevole per la nostra regione da anni!!

 

Da tempo sostengo che l’unico futuro possibile per uno sviluppo industriale della nostra zona, con un coinvolgimento ed una ricaduta su l’intero Abruzzo, sia trasformare L’Aquila in una sorta di Città della Ricerca.

Insomma, il mio sogno di aprire una nuova era, forse ora è praticabile. Adesso si potrà rompere con gli schemi del passato e riprogettare la provincia secondo uno schema nuovo: lo sviluppo industriale delle PMI e dei sistemi produttivi regionali all’interno del sistema universitario e dei centri di ricerca”.

Oggi l’innovazione di prodotto – verso la quale le imprese sono ormai orientate in tutto il mondo avanzato – è legata non più all’acquisto di nuove macchine ma alle elaborazioni progettuali, alla ricerca di laboratorio, alla scoperta di nuovi materiali e componenti, all’acquisizione di nuove competenze, alla ricerca di nuovi partnerships tecnologiche regionali e internazionali: insomma, all’investimento sulla ricerca.

Questo tipo di innovazione chiede di fare un salto in avanti e di superare quelli che sono stati fino ad oggi gli “ingredienti” per un’azienda sana – conoscenze specialistiche possedute dai lavoratori e dagli imprenditori attraverso il lavoro sul campo, capacità di problem solving e di spinta sul mercato – per arrivare alla creazione di nuove forme di relazioni che consentano non solo l’accesso delle imprese a fonti di conoscenza avanzate, ma anche e soprattutto, l’immissione di tali conoscenze nel sistema aziendale e nei sistemi produttivi.

“Di questo processo di maturazione, sono le Università i soggetti protagonisti, in quanto depositarie di risorse essenziali in una strategia di sviluppo che voglia garantire reali e durature capacità di crescita e di rafforzamento della competitività delle economie locali, nonché aprire il sistema alla collaborazione con altri soggetti pubblici e privati, di livello locale, nazionale ed internazionale.

Vedo finalmente possibile – conclude il Presidente – la creazione di un Polo Universitario con centri di eccellenza e di ricerca collegati al mondo dell’impresa, una realtà nuova nella quale il trasferimento tecnologico, la cessione dei risultati, lo spin off accademico, la formazione mirata di nuove figure e nuove competenze, porterà L’Aquila (e L’Abruzzo) a competere sul mercato nazionale ed internazionale”.

 

L’Aquila, l’Università e l’Impresa

In questo contesto la convenzione stipulata dall’Unione Industriali dell’Aquila con la locale Università assume tutto un altro significato, nel senso che se prima con quell’accordo potevamo fare cento, adesso, forse, potremo fare mille.

L’intesa prevede l’instaurazione di un rapporto di collaborazione fra le parti, per facilitare il quale l’Unione mette a disposizione da subito lo Sportello Università – Imprese. Gli accordi, in buona sostanza ma in sintesi, sono relativi a quanto segue.

–          Collaborazione scientifica per studi e ricerche su progetti specifici, partecipazione congiunta a programmi di ricerca regionale, nazionali e/o internazionali; azioni e direttive per rivitalizzare il territorio; monitoraggio dei bandi relativi ai finanziamenti di attività di ricerca regionali, nazionali e internazionali.

Supporto alla didattica per la quale l’Unione offre all’Università il supporto per: attività didattiche dei corsi di laurea, specializzazione, perfezionamento, dottorato di ricerca e master attraverso collaborazione di tecnici specializzati, dirigenti e ricercatori qualificati; possibilità di accesso, per studenti, docenti, ricercatori e dottorandi di ricerca dell’Università, alle strutture proprie; istituzione e finanziamento di borse e/o premi di studio ed assegni di ricerca; finanziamento di posti aggiuntivi di dottorato di ricerca con programmi di ricerca mirati allo sviluppo tecnologico delle imprese; promozione di azioni tendenti alla nascita di nuove imprese ed alla crescita scientifica, tecnologica di quelle esistenti.

Attività di ricerca, consulenza e formazione commissionata per la quale si prededono: stipulazione di accordi tra le parti per consulenze tecnico – scientifiche su temi specifici; formazione svolta dall’Università per conto dell’Unione; affidamento di attività di ricerca dall’Unione all’Università

Per quanto sopra, è stato costituito un Comitato di indirizzo scientifico i cui membri sono, per l’Università: Prof. Ing. Luigi Bignardi in qualità di Rettore, Prof. Dott. Luciano Fratocchi, Prof. Ing. Enzo Chiricozzi in qualità di Preside della Facoltà di Ingegneria; Prof. Ielio Iapadre; per l’Unione: Dott. Gaetano Clavenna in qualità di Presidente dell’Unione Provinciale degli Industriali dell’Aquila, Doot.ssa Monica Petrella Presidente dei Giovani Industriali dell’Aquila, Sig. Vittorio Silvestri Presidente della Piccola Industria , Ing. Pietro Pastorelli coordinatore.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi