Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'industrialeIMPRESA CHIAMA SPORTELLO

IMPRESA CHIAMA SPORTELLO

Benino L’Aquila e Avezzano, promettente la Valle Peligna, immobile Sulmona, male Roccaraso, Carsoli e Castel di Sangro

Lo Sportello Unico ha il compito di semplificare i passaggi burocratici necessari per costruire, aprire, trasferire, ampliare gli impianti produttivi, al fine di garantire agli imprenditori l’accesso a tutte le informazioni concernenti le domande di autorizzazione, il relativo iter procedurale e gli adempimenti necessari per le procedure autorizzatorie. Uno strumento indispensabile, in un sistema economico dominato dalla globalizzazione che richiede sempre più celerità e competitività nei mercati.

Eccoci, quindi, ancora una volta, a fare il punto sullo “Sportello Unico per le attività produttive” nella provincia aquilana: qualche piccolo miglioramento c’è stato, ma molti sono ancora i telefoni che squillano a vuoto. Abbiamo sentito i responsabili di ciascun Sportello.


 

Nella città dell’Aquila, lo Sportello è nato nei primi mesi del 2000: “siamo partiti un po’ come pionieri”, afferma l’architetto Ezio Rossi, “ma solo nel 2001, grazie anche alla legge 440, siamo riusciti a raggiungere un risultato di rilievo: le pratiche, dal punto di vista numerico, sono triplicate. Le richieste interessano, oltre che il settore delle attività industriali e commerciali, anche quello artigianale ed agricolo”. Così il responsabile dello Sportello Unico del capoluogo si ritiene abbastanza soddisfatto anche “se nella fase di avvio – dice – la struttura era un po’ isolata: in molti non sapevano cosa fosse, ma oggi la Regione, benché in ritardo, sta promuovendo tutti gli sportelli unici regionali”

Una nota di merito allo Sportello aquilano viene anche dall’Amministrazione comunale che “sta trasferendo allo sportello stesso il servizio delle attività produttive e non solo il rilascio delle attività edilizie, anche se le altre concessioni rimangono prerogative del Comune”.

“In collaborazione con l’Ance si sta anche approntando” sottolinea l’architetto Rossi, “un miglioramento del servizio attraverso un’attività di formazione rivolta anche agli enti esterni”.

A Sulmona, invece, la situazione è immutata:”formalmente lo Sportello è stato attivato, ma non ha avuto nessuna richiesta di avvio di pratica ed anche la convenzione con il Nucleo Industriale è rimasta ferma” dice l’ingegnere Sabatino Silvestri,

Novità promettenti arrivano dalla Valle Peligna, dove qualcosa si sta muovendo, assicura l’ingegnere D’Eramo: “si sono consorziati dodici comuni ed attualmente si stanno tenendo dei corsi: all’inizio del nuovo anno si procederà all’apertura dello Sportello”.

Anche Avezzano registra un mutamento: finalmente lo Sportello funziona e sono già state avviate alcune pratiche e date le prime autorizzazioni.

Niente di buono da Roccaraso (dove dovrebbe essere attivo uno Sportello), Carsoli e Castel di Sangro dove il telefono ha squillato a lungo, per giorni consecutivi, sempre invano. C’è qualcuno? Povere imprese!

Print Friendly, PDF & Email

Condividi