Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'industrialeIMPRENDITORIALITA’ GIOVANILE IN ABRUZZO

IMPRENDITORIALITA’ GIOVANILE IN ABRUZZO

di DE MASI

La IG è la società per l’imprenditorialità giovanile, è una struttura che utilizza strumenti innovativi, nel campo della creazione d’impresa, dello sviluppo locale, del sostegno alle medie e piccole imprese e si occupa anche della sperimentazione di nuove politiche di formazione e del lavoro.

Essa opera utilizzando fondi regionali, nazionali e comunitari; stipulando convenzioni con istituzioni, enti territoriali, organismi economici, soggetti privati e gestendo direttamente programmi comunitari.

Attiva da dodici anni sul fronte della creazione d’impresa ha promosso un’azione di promozione capillare di tale cultura, soprattutto nel Sud d’Italia, approvando 1.300 progetti d’impresa che prevedono investimenti per 3.600 miliardi e la creazione di 24.000 nuovi posti di lavoro.

La IG è il referente istituzionale per i giovani interessati, svolgendo tutte la funzioni e i compiti necessari per sostenere l’intero processo di creazione dell’impresa:

– indirizza e sostiene nel delicato passaggio dall’idea imprenditoriale all’elaborazione del piano d’impresa;

– affianca le nuove imprese sia nella fase di realizzazione degli impianti sia nell’avvio della gestione, prestando assistenza tecnica (tutoraggio) e fornendo servizi di formazione imprenditoriale;

– eroga gli incentivi finanziari sulla base degli investimenti realizzati;

– controlla la validità tecnico-produttiva degli impianti e la gestione finanziaria ed economica delle nuove imprese nei primi anni di attività.

L’Abruzzo è la prima regione italiana per il rapporto tra abitanti e progetti: sono stati approvati 161 progetti imprenditoriali( il 40% promossi da donne).

E’ questo il bilancio tracciato l’8 marzo a Pescara in un incontro-confronto tra il Presidente della Giunta Regionale Antonio Falconio, l’assessore al Bilancio Tiziana Arista e e il direttivo regionale dei giovani di CONFINDUSTRIA sull’attività svolta, nel 1998, dai dirigenti di “I.G. srl”.

Non si tratta però dello spauracchio di un’economia assistita che ha caratterizzato la storia del Mezzogiorno, ma di una concreta attivazione di dinamiche imprenditoriali.

Infatti il 45% delle imprese ha chiesto la certificazione di qualità per i propri prodotti; l’11% possiede partecipazioni in imprese e il 17% ha partecipazioni finanziarie esterne e ben 49 imprese hanno preso parte a fiere e mercati esteri.

Queste imprese hanno rivolto il loro interesse, in prevalenza, al campo dell’industria (il 51%), il 36% si sono interessate ai servizi e solo il 13% hanno scelto l’ambito agricolo.

I più propositivi sono stati i giovani teramani ai quali sono stati approvati 53 progetti, seguono poi le province di Chieti e L’Aquila, mentre Pescara è il fanalino di coda con soli 30 progetti d’impresa.

“Sono giovani che hanno idee, capacità, competenze. un dato che conferma la qualità delle iniziative e la longevità delle imprese nate in Abruzzo.”, così ha affermato con soddisfazione Danilo De Masi, presidente della “IG”.

Al termine dell’incontro il Presidente della Giunta Regionale, Antonio Falconio ha confermato l’interesse della Regione a partecipare direttamente, con una delle sue società controllate, al capitale di “I.G.”

 

PRIMA FIERA NAZIONALE “IG STUDENTS”

Sabato 13 Marzo- ROMA

Centro Commerciale Cinecittà 2

IG STUDENT è stata creata per avvicinare i giovani al mondo dell’impresa e degli affari con l’obiettivo di porre le premesse culturali e professionali affinché si sviluppi il senso dell’autonomia personale e all’alternativa lavorativa.

IG STUDENT, si è costituita nel 1998 come divisione non-profit di “IG s.p.a.” aderendo alla YEE (Young Enterprise Europee), con lo scopo di promuovere in Italia un programma di formazione permanente riservato agli studenti del penultimo anno di scuola superiore e delle università finalizzato alla creazione e gestione di imprese in ambiente protetto.

Il programma “IG STUDENT” è articolato in corsi della durata di nove mesi, in cui i ragazzi (sino a un massimo di 15) di età compresa tra i 16 e i 25, operano sotto la guida di un tutor, creano e gestiscono le proprie imprese versando un capitale minimo, assumendo le cariche sociali e realizzano e vendono i loro servizi e prodotti.

Queste “imprese di laboratorio” saranno messe in liquidazione prima della fine dell’anno scolastico, ma ad ogni partecipante sarà dato un attestato per il ruolo ricoperto all’interno dell’impresa da inserire nel proprio curriculum.

La Fiera Nazionale, tenutasi a Roma sabato 13 marzo all’interno del Centro Commerciale Cinecittà 2, è stata un’ottima occasione per constatare gli esiti concreti che tale iniziativa ha avuto tra i giovani partecipanti.

Vi hanno partecipato 202 imprese selezionate tra le migliori esponendo un’ampia gamma di prodotti, molti dei quali inediti come l’eurosalvadanaio o il cestino creato

con lattine riciclate o il portaombrelli anti-sgocciolamento per automobili.

Particolare attenzione è stata rivolta all’ambiente: hanno destato particolare interesse la proposta dell’ I.T.C. Galilei di Avezzano (Aq) sul servizio di raccolta di carta riciclata nelle scuole e quella del pescarese Lic. Scient. Galilei sulla raccolta e utilizzo di oli vegetali esausti.

L’Abruzzo aveva selezionato 502 studenti, assistendoli nella creazione di 35 microimprese simulate che hanno esposto e venduto i loro prodotti/servizi in una fiera regionale tenutasi il 19/20 febbraio al centro commerciale Mall di Villanova (Pe) ciò ha permesso loro di confrontarsi con il mercato vero di ci la Fiera di Roma è il momento culminante.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi