Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'industrialeImpianti con pericolo di esplosione nei luoghi di lavoro

Impianti con pericolo di esplosione nei luoghi di lavoro

Si è svolto – presso la Sala Conferenze dell’Unione Provinciale degli Industriali di L’Aquila in località Campo di Pile – un convegno sull’argomento “Direttiva Atex 1999/92/CE . Impianti nei luoghi di lavoro con pericolo di esplosione ”.

Nel corso dell’incontro è stata illustrata la recente Direttiva Comunitaria 1999/92/CE relativa alle prescrizioni minime per il miglioramento della tutela di quei lavoratori che, nel luogo di lavoro, possono essere esposti a rischio di atmosfere esplosive dovute alla presenza di gas, vapori o nebbie e/o polveri combustibili.

In Italia, il recepimento della Direttiva è avvenuto attraverso il D. Lgs. n. 233/03 del 12/06/2003 che integra e modifica, ancora una volta, il D. Lgs 626/94 andando a regolamentare tutte le attività svolte nei luoghi con pericolo di esplosione che comporta pertanto nuovi obblighi per il Datore di Lavoro il quale, dopo aver valutato l’esistenza del pericolo, deve adottare misure tecniche ed organizzative finalizzate a prevenire la formazione di miscele esplosive, classificare i luoghi, valutare i rischi di esplosione e redigere un documento sulla protezione contro le esplosione.

Inoltre, il Datore di Lavoro dovrà prendere i provvedimenti necessari affinché gli ambienti e gli impianti siano realizzati in modo da consentire di svolgere il lavoro in condizioni di sicurezza. Le misure di protezione non riguardano solo gli impianti elettrici, ma tutte le possibili cause di innesco dell’atmosfera esplosiva.

Sono intervenuti oltre al moderatore Augusto Iovenitti (Coordinatore AIAS Abruzzo—Soc. CSA), e al presidente dell’Unione Provinciale degli Industriali, Dr Gaetano Clavenna,  Antonio Ronca (Coordinatore AIAS Nucleo di Terni),  Milko Totani (Ufficio Tecnico CSA), Ing. Marcello Marra (Ufficio Progettazione CSA), Ing. Augusto Di Bastiano ( RSPP Micron Technology Italia – Avezzano),  Alessandro Graziani ( Ufficio Tecnico AQUILAB). Gli atti del Convegno sono scaricabili dai siti www.csataeam.it e www.upiaq.it.

 

 

 

Progetto “30 Ore di Cultura d’impresa e del Sistema Economico” dei Giovani Imprenditori di Confindustria Abruzzo

 

Il 24 novembre prossimo, a L’Aquila presso il Teatro Comunale, a partire dalle ore, si terrà un Convegno di presentazione dei risultati ottenuti e di valutazione degli esiti del Progetto, alla presenza della Regione Abruzzo, degli allievi e degli Istituti scolastici coinvolti nell’iniziativa.

L’evento è finalizzato a creare occasioni di confronto tra le parti sociali e gli organismi provinciali e regionali della formazione e delle politiche del lavoro con l’obiettivo di mirare a realizzare un’offerta formativa integrata.

Nel corso della mattinata verrà, inoltre, consegnato agli allievi l’attestato di partecipazione al progetto.

Il progetto che Confindustria Abruzzo e i Giovani Imprenditori intendono realizzare è articolato su quattro azioni principali:

  1. La realizzazione di 4 serie di attività formative di durata di 30 ore complessive ciascuna con gli studenti delle quarte classi superiori di 4 Istituti Superiori di tutta la regione (1 Istituto per provincia) (in totale 120 ore)
  2. La realizzazione di incontri seminariali dedicati alla formazione e approfondimento dei temi imprenditoriali rivolto ai docenti delle scuole coinvolte, l’altro rivolto ai docenti e genitori insieme volto all’approfondimento della realtà economica e dello scenario nel quale si muovono oggi le imprese e i lavoratori (con attenzione al tessuto produttivo locale)
  3. l’organizzazione di due momenti pubblici di informazione e divulgazione dell’iniziativa conferenza stampa ad inizio fase nelle scuole e convegno regionale a fine progetto – (risultati ottenuti e valutazioni degli esiti del progetto) finalizzati a creare occasioni di confronto tra le parti sociali e gli organismi provinciali e regionali della formazione e delle politiche del lavoro diffondere l’iniziativa, con l’obiettivo di mirare a realizzare un’offerta formativa integrata
  4. Attività di consulenza attraverso degli info point dei Giovani Imprenditori presso le sedi provinciali delle Unioni/Associazioni Industriali, attraverso i quali i docenti e gli studenti potranno godere del necessario supporto per la conoscenza, l’approfondimento e per la realizzazione dei temi del progetto

Il progetto sarà realizzato su tutto il territorio regionale, sulla base di una organizzazione provinciale delle attività. Ogni Gruppo Giovani Imprenditori provinciale sarà impegnato in un Istituto scolastico provinciale.

Destinatari degli interventi di sensibilizzazione/formazione saranno gli allievi delle quarte classi, se ne stimano circa 200.

L’incontro con i docenti e con i genitori degli studenti e i seminari a cura di esperti di didattica e di comunicazione, perseguono lo scopo di:

–          far avvicinare sia gli insegnati delle scuole si ai genitori degli allievi coinvolti agli obiettivi del progetto,

–          offrire l’opportunità agli insegnanti e genitori di partecipare a seminari in cui è elevato il contenuto formativo e di aggiornamento sui temi del lavoro e dell’impresa,

–          creare delle sinergie tra il mondo imprenditoriale e quello della scuola attraverso incontri diretti conoscitivi/formativi,

Tali incontri prevedono  nel dettaglio:

–                    Il cambiamento nello scenario economico mondiale e l’approfondimento sul contesto locale

–                    L’introduzione al variegato mondo delle imprese e le differenti organizzazioni

–                    Quali valori e quali conoscenze e capacità il cambiamento in atto richiede a chi lavora in un impresa o a chi ne voglia costituire una nuova

–                    L’esigenza di un sistema integrato scuola-impresa-famiglia, per lo sviluppo del sistema formativo

I docenti saranno tutti imprenditori giovani e senior associati alle sezioni provinciali di Confindustria Abruzzo, esperti del mondo del lavoro.

La fase di diffusione della cultura d’impresa e del lavoro nelle scuole verrà svolta in cinque step:

  1. verifica del livello di partenza degli studenti tramite la somministrazione di un questionario ex ante individuale di tipo aperto
  2. formazione dei giovani attraverso incontri con imprenditori ed esperti del mondo del lavoro, e  consegna agli studenti del manuale e del Cd Rom
  3. somministrazione agli studenti di un questionario ex post analogo a quello iniziale, allo scopo di misurare il livello di apprendimento individuale
  4. individuazione di opportunità di stage in azienda (durante l’estate) per i partecipanti al progetto formativo

sessione collettiva finale di analisi complessiva dell’esperienza svolta e socializzazione dei suoi risultati, pubblicata poi in un rapporto finale.

 

 

Faccia a faccia Tordera/De Matteis

Non è un mistero per nessuno che il Direttore Generale della Carispaq e l’assessore regionale Giorgio De Matteis abbiano avuto negli ultimi mesi qualche problema di comunicazione.

Promotore l’Unione Industriali dell’Aquila, i “nostri” si sono incontrati presso la nostra sede: oltre ad una serena e gradevole conversazione, dall’incontro è nato ben altro che un semplice chiarimento. Infatti si è addirittura parlato di unire le forze Confindustriali, Camerali e Regionali per proporre un progetto di sviluppo per l’Abruzzo presso Bruxelles. Noi siamo già a lavoro e sul prossimo numero de L’Industriale vi faremo sapere.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi