Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'industrialeIL NUOVO VADEMECUM PER LA LEGGE 488 Un seminario per illustrare le novità e la nuova modulistica

IL NUOVO VADEMECUM PER LA LEGGE 488 Un seminario per illustrare le novità e la nuova modulistica

E’stato pubblicato sulla G.U. n. 221 del 22/9/97 il nuovo regolamento della legge 488 (decreto n.319 del del 31/7/97) che verrà applicato alle domande che saranno presentate entro la fine di questo anno.

Per illustrare i cambiamenti e la nuova modulistica, l’Unione dell’Aquila ha organizzato un seminario tenuto dal dott. Gualtiero Milana (di Europrogetti e Finanza s.p.a., società partecipata dal Mediocredito Centrale).

In breve, diamo notizia delle maggiori  novità.

Presentazione delle domande.

I termini saranno fissati nel corso dell’anno con due bandi che daranno luogo alla formazione di due graduatorie distinte a ciascuna delle quali sarà attribuita la metà delle risorse stanziate annualmente. La copia della domanda non dovrà essere duplice, sarà sufficiente una fotocopia della stessa da inviare alla Regione per conoscenza. Per le iniziative di acquisizione, anche parziale, di beni tramite locazione finanziaria, la domanda dovrà essere inviata alla società leasing convenzionata. 

Iniziative interconnesse.

E’stata abrogata la possibilità di considerare unitariamente le domande di agevolazione presentate da una singola impresa per programmi di investimento su unità produttive collegate da un elevato livello di interconnessione produttiva.

Spese ammissibili.

Saranno ammesse alle agevolazioni solo le spese sostenute a decorrere dal giorno successivo alla data di chiusura del bando (nella prossima scadenza potranno essere ricomprese le spese sostenute a decorrere dall’1 gennaio ’97). Le spese relative alla progettazione e al terreno, invece, saranno ammissibili a decorrere dai dodici mesi precedenti la domanda. Il limite delle spese di progettazione sale dal 3% al 5% del totale degli investimenti, inclusi gli oneri per le concessioni edilizie. Le imprese di servizi iscritte al settore industria dell’Inps saranno equiparate alle imprese manifatturiere e potranno portare a contributo anche le spese relative a progettazione, immobili e terreni.

Istruttoria.

I termini saranno più veloci. Per adempiere alle proprie competenze, alle banche concessionarie è assegnato un termine di tre mesi e al ministero di un mese. Per la formazione delle graduatorie, eccezionalmente potranno essere concessi trenta giorni di proroga.

Indicatori.

Sono stati introdotti due nuovi indicatori per la formazione delle graduatorie. Il primo sarà deciso a livello regionale con l’attribuzione di un punteggio diverso a seconda del settore, dell’area e della tipologia dell’investimento; il secondo riguarda le prestazioni ambientali e sarà determinato in base ai criteri fissati da un prossimo decreto ministeriale.

Erogazione.

I contributi potranno essere erogati in due  rate nel caso di progetti “veloci” (ultimazione in 24 mesi) e se l’impresa ne fa esplicita richiesta.

Domande ripresentate.

 Le aziende che hanno già presentato domanda nello scorso anno e non sono state agevolate per mancanza di fondi dovranno riformularne una nuova ottemperando al nuovo regolamento.

 

I moduli per le domande sono disponibili presso la sede dell’Unione Industriali dell’Aquila

Print Friendly, PDF & Email

Condividi