Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieTeramoGiulianova: lettera aperta al comune su riserva Borsacchio

Giulianova: lettera aperta al comune su riserva Borsacchio

Riserva Naturale del Borsacchio,   lettera aperta al Comune di Giulianova da WWF, ITALIA NOSTRA, COMITATO RISERVA NATURALE REGIONALE GUIDATA BORSACCHIO E COMITATO ABRUZZESE DIFESA BENI COMUNI

“Torniamo per la seconda volta ad utilizzare carta e penna –scrivono le associazione- nella speranza che si riesca una buona volta ad evidenziare che la difesa e la valorizzazione della Riserva Naturale del Borsacchio rispondono agli interessi di tutti i cittadini di Giulianova e, in particolare, di quelli residenti nel Quartiere dell’Annunziata.

Purtroppo dobbiamo constatare che nel Consiglio comunale di Giulianova non si è avviato nessun dibattito in merito alla riperimetrazione della Riserva,

  • nonostante il messaggio recapitato al Sindaco Mastromauro dalla Prof.ssa Maria Rita D’Orsogna il 15 dicembre dello scorso anno;

  • nonostante la presa di posizione unanime contro la riperimetrazione di tutte le associazioni ecologiste e dei vertici provinciali, regionali e locali di alcuni partiti che sostengono la maggioranza al Comune di Giulianova (IdV e SEL);

  • nonostante una nostra precedente “lettera aperta” del 13 marzo scorso indirizzata a tutti i consiglieri comunali;

  • nonostante anche nel PD ci sia chi giustamente consiglia al Sindaco Mastromauro di rivedere la posizione assunta in passato in merito all’uscita del territorio di Giulianova dalla Riserva.

Nel mentre ci accingiamo a pubblicare questa seconda lettera aperta, in Consiglio Regionale (convocato per il prossimo 24 aprile) si prepara un ulteriore tentativo di indebolire/annullare la Riserva a tutto svantaggio dei cittadini. Tra chi ne vorrebbe lo stravolgimento (Rabbuffo dei FLI e Ruffini del PD) e chi ne vorrebbe addirittura la cancellazione (Venturoni del PDL), nel prossimo consiglio regionale la Riserva potrebbe subire l’ennesimo e forse decisivo assalto all’“arma bianca”.

Avendo già da tempo chiarito che il completamento del Contratto di Quartiere dell’Annunziata e la salvaguardia degli attuali confini della Riserva possono andare di pari passo, e che la delibera di Consiglio n. 74 del 2010 (per intenderci, quella con cui l’Amministrazione si espresse a favore dell’uscita del territorio di Giulianova dalla Riserva) non ha quindi alcuna ragion d’essere, invitiamo nuovamente il Sindaco ed i Consiglieri comunali di Giulianova ad assumere ogni iniziativa utile affinché facciano pervenire subito al Consiglio Regionale una ferma presa di posizione che punti al mantenimento dei confini della riserva ed all’adeguamento delle norme di salvaguardia al fine di consentire il “completamento funzionale” delle attività, degli edifici e delle strutture esistenti e degli interventi previsti nel vigente contratto di quartiere dell’Annunziata. Tutto questo è possibile attraverso l’approvazione di una modifica delle legge istitutiva della Riserva secondo quanto indicato dagli stessi Uffici regionali. Sol che lo si voglia!

Print Friendly, PDF & Email