Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiGissi, Golden Lady: produzione riparte a luglio

Gissi, Golden Lady: produzione riparte a luglio

Le 365 lavoratrici della Golden Lady di Gissi torneranno a lavoro dal prossimo primo luglio. Lo prevede l’accordo firmato ieri a Roma negli uffici del Ministero dello Sviluppo Economico da sindacati, aziende e istituzioni. L’intesa consentira’ la riconversione dello stabilimento della Golden Lady di Gissi e il ritorno al lavoro dopo 4 anni di cassa integrazione delle 365 maestranze, in gran parte donne tra i quaranta e i cinquanta anni. A subentrare nello stabilimento abruzzese dell’azienda fondata da Nerino Grassi, saranno due aziende: una impegnata nel settore tessile e una nel calzaturiero. La New Trade srl di Prato opera nel settore tessile ricondizionando i vestiti usati, mentre la Silda Invest spa produce calzature di fascia medio alta per marchi prestigiosi, tra i quali Gucci. La New Trade srl si e’ impegnata ad assumere “almeno 115 lavoratori” a partire dal primo luglio 2012, ottenendo dalla Golden Lady il comodato d’uso gratuito del capannone dove lavorera’ i vestiti usati. La Silda Invest, invece, si e’ impegnata ad assumere 250 maestranze che poi dovra’ formare man mano nel corso dei due anni di cassa integrazione straordinaria ottenuti per ristrutturazione per arrivare “a livelli di qualita’ di produzione molto elevati”. La Golden Lady versera’ alla Silda per ogni lavoratore assunto 10 mila euro, per un totale di 2 milioni e mezzo di euro. “E’ un accordo importante, frutto di un paziente lavoro d’intesa durato piu’ di quattro anni e che offre opportunita’ di sviluppo per il futuro nel made in Italy”, hanno sottolineato i segretari Giuseppe Rucci (Filctem Cgil), Arnaldo Schioppa (Uilta Uil) e Franco Zerra (Femca Cisl) nel corso di una conferenza stampa convocata questa mattina a Gissi, davanti lo stabilimento. “Non e’ un fatto secondario che tutti i lavoratori verranno riassunti con contratto a tempo indeterminato sulla base di contratti nazionali. Ora ciascuno deve fare la sua parte, a partire dalle istituzioni e nello specifico la Regione Abruzzo e la Provincia di Chieti che ci auguriamo rispettino gli impegni presi al tavolo”. I tre rappresentanti sindacali hanno convocato per il 6 giugno alle 8.30 un’assemblea con i lavoratori per informarli dei passaggi tecnici dell’accordo.

Print Friendly, PDF & Email