Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'industrialeFIRMATA LA NUOVA CONVENZIONE CONFIDI – CARISPAQ Novità interessanti per le imprese

FIRMATA LA NUOVA CONVENZIONE CONFIDI – CARISPAQ Novità interessanti per le imprese

CONFIDI e la CARISPAQ, dopo aver riscritto integralmente di comune accordo la convenzione ordinaria per renderla più aderente alle esigenze delle Imprese e del Consorzio, hanno firmato – lo scorso 26 settembre – l’intesa con la quale, anche grazie alle aumentate disponibilità esistenti sul Fondo Rischi, sono state stipulate condizioni di miglior favore per gli associati.

Particolare soddisfazione è stata espressa del Presidente del Confidi Giancarlo Abbati che ha voluto riconoscere alla Banca l’impegno profuso a favore delle aziende.

Gli aspetti di interesse, regolamentati nella nuova convenzione ordinaria, sono in sintesi i seguenti:

1) Elevazione dai precedenti 500 milioni a 1 miliardo del plafond massimo di affidamenti garantiti a breve e m/l. termine.

Si eleva il tetto degli affidamenti concedibili a 1000 mil. con dei massimali stabiliti per ogni forma tecnica, con un tasso di interesse pari al prime-rate abi meno lo 0,50% per le operazioni a breve termine, pari all’Euribor + 0, 75% per i finanziamenti ipotecari rimborsabili a 60 mesi e pari a all’Euribor + 1,25% per i finanziamenti chirografari rimborsabili a 60 mesi che potranno godere a differenza degli altri, per i quali la percentuale di garanzia è rimasta invariata al 25%, di una garanzia pari al 50%;

2) Introduzione di nuove forme tecniche.

Per coprire a 360 gradi le esigenze aziendali si sono aggiunte nella convenzione altri tipi di operazioni da rimborsare a 60 mesi come i finanziamenti destinati alla sicurezza del lavoro, alla qualità, alle spese pubblicitarie, all’acquisto di locali e pertinenze; si introduce inoltre il fido promiscuo fino a £. 400.000.000 da utilizzare indifferentemente per sconto e/o sbf;

3) Regolamentazione di condizioni accessorie di maggior favore per i soci Confidi.

Si regolamentano nuovamente le condizioni accessorie con condizioni di maggior favore per gli associati al Confidi;

4) Nuove modalità per il recupero crediti in sofferenza.

Di notevole importanza per la gestione del Confidi è la pattuizione che le pratiche di recupero, in caso di insolvenza, vengano effettuate direttamente dalla Banca anche per conto del Confidi evitando il sostenimento di notevoli costi per l’esercizio dell’azione di surroga. Inoltre in caso di insolvenza accertata, le somme garantite non verranno immediatamente stornate dal Fondo Rischi ma verranno accantonate su libretti di deposito al portatore ed incamerate soltanto in caso di esito totalmente negativo delle azioni di recupero esperite.

 

Questi, in estrema sintesi, gli aspetti di tipo migliorativo della nuova convenzione per la quale si ringrazia la Dirigenza della CARISPAQ che ha cercato di venire incontro alle richieste del mondo produttivo.

Per qualunque informazione le aziende possono contattare il segretario del Consorzio, dott. Marco Masciocchi, allo 0862/317938

 

Consorzio Garanzia Collettiva Fidi di L’Aquila

CONVENZIONE CONFIDI – CARISPAQ

 

Elenchiamo di seguito le operazioni perfezionabili ai sensi della convenzione CONFIDI – CARISPAQ, i relativi importi massimi per ogni singola forma tecnica ed i tassi.

Resta inteso che gli affidamenti concedibili ad ogni singola impresa associata non potranno superare complessivamente L.l.000.000.000 (unmiliardo), fermi restando i rispettivi limiti massimi di cui ai punti A), B), C), D), E), F), G)

 

  1. IMPORTO NON SUPERIORE A L.50.000.000 per: a.1) Aperture di credito in conto corrente straordinarie per il pagamento delle imposte,di importo non superiore al 60% delle imposte da pagare con un massimo di L.50.000.000, da ripianare con versamenti mensili nell’arco massimo di sei mesi dalla data della concessione, con versamento a parte delle competenze; tasso: il prime rate ABI vigente tempo per tempo, diminuito di 0,50 punti, oltre la commissione trimestrale sul massimo scoperto dello 0,125%.

     

  2. IMPORTO NON SUPERIORE A L.60.000.000 per: b.1) Finanziamenti destinati alla formazione di scorte, da rimborsare in 18 mesi mediante pagamento di rate mensili costanti, posticipate, comprensive di quota capitale e quota interessi; tasso: fisso, pari al prime rate ABI vigente al momento della stipula, diminuito di 0,50 punti.

     

  3. IMPORTO NON SUPERIORE A L.125.000.000 per:c.1) Aperture di credito in conto corrente straordinarie per il pagamento della tredicesima mensilità ai dipendenti, di importo non superiore al 90% dell’esborso globale che l’impresa deve sostenere a tale titolo e, comunque, non superiore a L.125.000.000, da ripianare con versamenti mensili nell’arco massimo di dodici mesi dalla concessione, con versamento a parte .delle competenze; tasso: come al punto a.1)-

     

  4. IMPORTO NON SUPERIORE A L.150.000.000 per: d.1) Aperture di credito in conto corrente; tasso: come al punto a.1) .

     

  5. IMPORTO NON SUPERIORE A L.200.000.000 per: e.1) Aperture di credito in conto corrente per anticipazioni su originali di fatture, a carico di nominativi ritenuti solvibili, da spedire a cura della Cassa, scadenti entro un massimo di 120 giorni e recanti l’annotazione di pagamento esclusivamente con accredito su conto corrente presso la Cassa (scarto determinabile di volta in volta) ; tasso: come al punto a.1

    e.2) Finanziamenti import – anticipi export tasso: Euromercato della valuta considerata, aumentato dello

    spread di 1,5 punti.

     

  6. IMPORTO NON SUPERIORE A L.400.000.000 per: f.1) Castelletto Portafoglio Italia, utilizzabile promiscuamente per sconto e/o SBF; tasso: prime rate ABI diminuito di 0,50 punti.

     

  7. IMPORTO NON SUPERIORE A L.500.000.000 per: g.l) Finanziamenti destinati all’acquisto di attrezzature, all’acquisto, ristrutturazione, ammodernamento e ampliamento dei locali destinati all’attività dell’impresa, nonchè dei locali annessi adibiti a servizi necessari o complementari per lo svolgimento dell’attività dell’impresa, alle spese di pubblicità, alle spese per la certificazione di qualità del sistema aziendale secondo le norme di certificazione nazionali ed internazionali, alle spese per la sicurezza del lavoro (D.L.vo 626/94) ; tali finanziamenti, di importo massimo pari all’80% della spesa da sostenere (IVA esclusa)e, comunque, non superiore a L.500.000.000, saranno erogati su presentazione di fatture quietanzate o con bonifico diretto ai fornitori e saranno rimborsati nel temine massimo di 60 mesi mediante pagamento di rate mensili costanti posticipate; garanzia: su tali finanziamenti, se non assistiti da ipoteca, il Consorzio presterà garanzia pari a1 50%; tasso: fisso, pari all’Euribor sei mesi rilevato per valuta il primo giorno lavorativo del mese di erogazione, arrotondato all’ottavo di punto superiore e maggiorato di uno spread di 1,25 punti (0,75 in presenza di garanzia ipotecaria) .

 

Print Friendly, PDF & Email

Condividi