Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieUfficio StampaFabio Spinosa Pingue su “Il Tempo” del 19-09-2007

Fabio Spinosa Pingue su “Il Tempo” del 19-09-2007

Fabio Spinosa Pingue

Le stime di crescita del mercato globale – quindi, anche di quello italiano, checché ne dica qualcuno – sono state riviste al ribasso per l’impatto della crisi dei mutui subprime. L’implosione si è allargata a macchia d’olio attraverso i labirinti della finanza derivata: non è più, e solo, un problema di rapporto tra denaro fresco e credito, ma di debiti (come quelli dei mutui, per stare alla causa scatenante), che vengono raggruppati, cartolarizzati, trasformati in titoli e poi immessi sul mercato. E’ proprio così che i mutui sono stati trasformati in titoli e, sotto nuova veste, letteralmente trasferiti ad altri (per cui banche ed istituti non hanno alcuna convenienza diretta acché vengano ripagati…). Ma non è tutto. Questi titoli sono stati poi accorpati ad altri provenienti da mutui commerciali: obbligazioni vere e proprie e prestiti ad aziende impegnate nelle scalate. Ufficialmente li chiamano Cdo ma, nella sostanza, si tratta di “titoli salsiccia” che, dopo varie trasformazioni, assumono addirittura vita propria andando a fungere  – udite udite – come garanzie di altri prestiti! Alla fine della giostra, nessuno sa più cosa ci sia nella salsiccia: neanche le agenzie di rating che, infatti, hanno dato a molti hot dog la tripla A! Una chicca è che i Cdo sono una bella fetta dei fondi pensione, e qui ogni considerazione è sempre poca.  Poi, essendo anche parte dei fondi immobiliari gestiti pure dai piccoli risparmiatori, ecco come farà la crisi ad attraversare orizzontalmente tutti: banche, grandi aziende e piccolo risparmio.

L’inghippo? Le agenzie di rating vengono retribuite da chi emette i titoli da valutare: more solito, il controllore è il controllato.

 

Fabio Spinosa Pingue

Presidente

pingue@pingue.it

Print Friendly, PDF & Email

Condividi