Ultime Notizie
HomeEccellenzeSpettacoloErrico Centofanti

Errico Centofanti

Errico Centofanti è stato tra i fondatori del Teatro Stabile dell’Aquila, alla cui direzione ha concorso dal 1963 al 1982. Per il Comune dell’Aquila ha ideato nel 1983 Perdonanza Festival, del quale è stato Soprintendente fino al 1992.
È stato docente di storia del teatro all’Accademia Sharoff di Roma e alla Scuola di Cultura Drammatica dell’Aquila, della quale è stato anche direttore. Insieme con Andrea Vitali, ha ideato e diretto i festivals internazionali “Urbino Rinascimenti”, per la città di Urbino dal 1995 al 1997, e “Castel dei Mondi”, per la città di Andria dal 1997 al 2000.

È stato direttore artistico della rassegna di spettacolo “Il Suono di Dante” per il “Settembre Dantesco” di Ravenna (dal 1998 al 2007), e del festival internazionale collegato allo “Sposalizio del Mare” di Cervia (dal 2001 al 2007).
È stato consigliere e assessore al Comune dell’Aquila, dal 1971 al 1980, e componente del Comitato Regionale Abruzzese e del Direttivo della Federazione dell’Aquila del Pci. A metà degli anni ’70 ha fondato TeleAquila, prima emittente tv locale a gestione pubblica, la cui programmazione, pianificata insieme con il regista Antonio Calenda e appoggiata agli studi realizzati dal Comune dell’Aquila con il concorso della Philips International, fu sospesa sul nascere per contrasti politici.
È socio fondatore e ha fatto parte del Consiglio d’Amministrazione della Società Aquilana dei Concerti.
Ha curato e cura progetti culturali internazionali in Italia ma anche in Australia, Canada e Est europeo. Dal 2005 cura la direzione artistica delle Giornate Dantesche del Canadian Centre for Italian Culture and Education di Toronto.
Autore di saggi e opere narrative per diversi editori e periodici specializzati, collabora a testate italiane e straniere, di rilevanza nazionale.
In occasione del tricentenario del sisma che aveva distrutto la città nel 1703, ha pubblicato il volume “La Festa Crudele”, che è un’ampia riflessione di antropologia culturale sui terremoti dell’Aquila e le loro conseguenze.

Print Friendly, PDF & Email