Ultime Notizie

ERRATA CORRIGE

Sullo scorso numero de L’Industriale, nell’articolo Grandi o piccole, tutte, è stata omessa l’intervista a GIANNI DI CESARE (CGIL): la pubblichiamo adesso integralmente.

 

 

Credo che i sindacati siano tutti d’accordo e uniti in un unico obiettivo: la Siemens deve restare all’Aquila per tre anni, e fare ricerca e sviluppo così come promesso solo pochi mesi fa. Si tratta di grandi aziende e non si può pensare che non siano in grado di fare delle scelte a breve e medio termine: le aziende sono quelle giuste e noi siamo il posto giusto: abbiamo l’Università con le facoltà scientifiche, l’esperienza, una criminalità irrilevante, l’aria pulita.

Certo è che se il capoluogo avesse difeso il Contratto di Programma, oggi avrebbe un piano di sviluppo come tutte le altre province dell’Abruzzo. E’ facile piangere e lamentarsi, ma quando si è trattato di darsi da fare nessuno si è mosso per difendere un progetto sostenuto da tutte le parti sociali. E secondo me c’è un legame tra i seguenti due fatti: lo stesso giorno in cui il Ministro Visco ha deliberato sui Contratti di Programma di tutta Italia tranne che su quello aquilano, ha deliberato invece favorevolmente sulla metropolitana di superficie, lasciando al palo la contrattazione programmata. Detto questo, è evidente che non tutti hanno a cuore il presente e il futuro della città.

 

***

 

Nell’ambito del Progetto 30 ore d’impresa in Abruzzo comunichiamo che la Preside dell’Istituto Tecnico Industriale Statale “Amedeo Savoia” di L’Aquila è la professoressa Gianna Colagrande e la responsabile del progetto la professoressa Carla Marotta.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi