Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'industrialeCONSOLIDAMENTO DEI DEBITI A BREVE TERMINE Legge Regionale Abruzzo 28.12.1998 n. 164 Modifiche alla Legge Regionale 11.09.1996 n. 84 (Legge Viserta)

CONSOLIDAMENTO DEI DEBITI A BREVE TERMINE Legge Regionale Abruzzo 28.12.1998 n. 164 Modifiche alla Legge Regionale 11.09.1996 n. 84 (Legge Viserta)

Sarà a breve operativa la Legge Regionale 28.12.1998 n. 164 recante, tra l’altro, una serie di modifiche all’intero impianto del Capo II della precedente Legge regionale n. 84/1996, meglio nota come Legge Viserta, in ordine alle modalità di concessione di finanziamenti per il consolidamento dei debiti a breve.

Ferma restando la individuazione delle caratteristiche soggettive delle Imprese destinatarie dei benefici (p.m.i. localizzate in Abruzzo), l’ammontare massimo ammissibile a finanziamento pari a £ 600 milioni, il mantenimento o l’incremento della base occupazionale, il non aver già usufruito di precedenti agevolazioni riguardanti il consolidamento, le adeguate potenzialità reddituali e di riequilibrio finanziario, le principali novità contenute dalla nuova legge risultano le seguenti:

L’ intera gestione contributiva viene delegata dalla Regione Abruzzo alla F.I.R.A. SpA;

  • L’intervento contributivo è rivolto ad operazioni di consolidamento verso Banche risultanti alla data del 30.09.1998;
  • Viene specificato che per passività a breve deve intendersi la somma delle passività verso Banche, di durata originaria non superiore ai 18 mesi, che rientrano nelle seguenti categorie

a) operazioni di smobilizzo crediti;

b) prestiti diretti;

c) conti correnti;

d) operazioni con l’estero;

e) operazioni con garanzie reali.

Ferme le caratteristiche dei finanziamenti, già previste dalla precedente legge regionale n. 84, l’ammontare dei contributi sugli interessi passivi per sostenere il finanziamento consolidato non potrà essere superiore all’abbattimento di quattro punti percentuali annui sul tasso di interesse fissato in sede di perfezionamento dell’operazione.

· Le Aziende interessate ad ottenere le provvidenze di cui alla nuova legge regionale, devono inoltrare apposita richiesta di contributo ad una delle banche convenzionate, utilizzando la modulistica fornita dalla F.I.R.A. SpA (disponibile anche presso l’Unione o sul sito internet della FIRA: http://www.fira.it); il modulo, compilato in tutte le sue parti e corredato della documentazione ivi richiesta, debitamente sottoscritto dal rappresentante Legale o dal titolare dell’Impresa deve essere trasmesso alla Banca convenzionata e, per conoscenza, alla F.I.R.A. SpA;

· L’ammissibilità al beneficio dei contributi previsti dal provvedimento in questione verrà vagliata dalla F.I.R.A. SpA attraverso un apposito Comitato di valutazione.

LA DISPOSIZIONE TRANSITORIA

Infine è stata prevista una apposita disposizione transitoria a favore di quelle Imprese, ammesse al consolidamento in base alla precedente Legge regionale n. 84/1996, che, in relazione alle modifiche introdotte dalla nuova disciplina, hanno diritto ad ottenere i contributi per un importo superiore. In tal caso le stesse possono ripresentare una nuova richiesta, rinunciando alla precedente; ove viceversa il finanziamento originario sia già stato erogato, le Imprese interessate potranno presentare una richiesta integrativa della precedente per l’importo risultante dalla differenza tra l’ammontare consolidabile e quello effettivamente consolidato. In tal caso i contributi saranno erogati separatamente in relazione ai pagamenti delle distinte rate di mutuo effettuati dall’Impresa con le modalità già previste.

Ad oggi sono in fase di registrazione le integrazioni alle convenzioni già stipulate tra la F.I.R.A. SpA e le Banche ma comunque è già possibile iniziare l’iter della pratica.

Le Banche convenzionate alle quali rivolgersi sono le seguenti: MEDIOCREDITO FONDIARIO CENTROITALIA, CARISPAQ, TERCAS, CARIPE, CARICHIETI, CREDITO ITALIANO, BANCA POPOLARE DELL’ADRIATICO, BANCA LANCIANO E SULMONA, BANCO NAPOLI, FEDERAZIONE CASSE RURALI.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi all’Unione Industriali dell’Aquila chiedendo del Dott. Masciocchi, tel. 0862/317938.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi