Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieUfficio StampaConsiglio Abruzzo: Piano Sociale da 88 mln e Ato Unico

Consiglio Abruzzo: Piano Sociale da 88 mln e Ato Unico

Il Consiglio regionale d’Abruzzo ha approvato a maggioranza il Piano sociale 2011-2013.
A votare a favore è stata la maggioranza di centrodestra con i consiglieri di Pdl,

 

Rialzati Abruzzo, Mpa e Fli. Astenuti Udc e Api; hanno votato contro Pd e Italia dei Valori. Al momento della votazione, dopo circa due ore di discussione, erano assenti i consiglieri di Rifondazione Comunista e Comunisti Italiani.
Il Piano ha una copertura finanziaria di 88 milioni di euro e va nella direzione dell’assistenza ad anziani, disabili e bambini. Soddisfatto l’assessore alla Promozione Sociale, Paolo Gatti, il quale ha sottolineato che “c’é stato un grande lavoro di confronto, il Piano è il migliore possibile in questo momento. Ho apprezzato l’atteggiamento non ostruzionistico delle opposizioni, visto che sono stati presentati solo tre emendamenti”. “Visto che si tratta dell’unico Piano sociale possibile, non avevamo scelta sulle priorità che riguardano assistenza ad anziani, disabili e bambini” ha aggiunto.
La seduta del Consiglio regionale è stata aggiornata alle ore 15.30, quando comincerà l’esame della riforma del ciclo idrico integrato. Il consiglio regionale ha anche approvato, all’unanimità, una risoluzione urgente sulla ricostruzione sociale post sisma dei comuni rientranti nell’area del cratere. “Nel documento – afferma il promotore, il consigliere Giuseppe Di Pangrazio (Pd) – il governo regionale si è impegnato a sollecitare il commissario delegato, Gianni Chiodi, ad emanare una normativa utile a reperire fondi specifici da destinare alle attività sociali ed a diretto sostegno dei Piani di Zona nella città di L’Aquila, capoluogo di Regione, e nei Comuni rientranti nell’area del cratere. Il Piano Sociale Regionale infatti – spiega Di Pangrazio – non riporta in maniera compiuta l’analisi dettagliata sull’attuale condizione economico-sociale-demografica delle zone terremotate, elementi essenziali per una reale applicazione del piano in questione ma, soprattutto, per una ricostruzione sociale dei Comuni colpiti dal sisma”.

Consiglio Abruzzo: approvata riforma ciclo idrico integrato
Il consiglio regionale ha approvato a maggioranza la legge di riforma del ciclo idrico integrato. A votare a favore la maggioranza di centrodestra, contro le opposizioni.
La riforma introduce l’Ato unico e viene scongiurato il pericolo che l’acqua sia privatizzata dal momento che è stato rispettato il termine del 31 marzo prossimo per impedire l’indizione di gare al posto dell’affidamento diretto della gestione.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi