Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieUfficio StampaCialente, ricostruzione: intervengano Parlamento e Corte dei Conti

Cialente, ricostruzione: intervengano Parlamento e Corte dei Conti

“Auspico Commissione parlamentare d’inchiesta e interessamento Corte dei Conti”. Questa l’affermazione del Sindaco dimissionario dell’Aquila, Massimo Cialente

 

riportata dal sito dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani (Anci).
L’affermazione di Cialente è avvenuta a margine di un’audizione alla Camera sulla ricostruzione dopo il sisma abruzzese. “Ho preso atto della situazione – ha continuato Massimo Cialente –  e mi sono dimesso. Penso così di raggiungere anche un risultato positivo, perché nel momento in cui sparisce il parafulmine rappresentato dalla mia persona ci sarà qualcuno che dovrà assumersi le sue responsabilità”.
“Auspico Commissione parlamentare d’inchiesta e interessamento Corte dei Conti. All’Aquila da un anno è tutto bloccato, la ricostruzione pesante è completamente ferma, è ferma la ricostruzione degli edifici pubblici e non si sta facendo assolutamente nulla per la ripresa economica e produttiva”.
Lo afferma il sindaco dimissionario dell’Aquila, Massimo Cialente, a margine di un’audizione alla Camera sulla ricostruzione dopo il sisma abruzzese. L’intervento è riportato all’interno di un servizio pubblicato sul sito internet dell’Anci (Associazione nazionale comuni italiani).
E’ anche con questi motivi che Cialente spiega la sua decisione di dimettersi dalla carica di sindaco: “Ho le mani completamente legate, si è creata di fatto una struttura commissariale a mio parere non pronta, ma che soprattutto non mi consente di agire in alcun modo. Persino per la ristrutturazione di alcuni edifici scolastici di periferia o per mettere il territorio al riparo da frane incmbenti ho dovuto aspettare mesi”.
Per questo, spiega Cialente, “ho preso atto della situazione e mi sono dimessoba questo punto preso atto dimesso. Penso così di raggiungere anche un risultato positivo, perché nel momento in cui sparisce il parafulmine rappresentato dalla mia persona ci sarà qualcuno che dovrà assumersi le sue responsabilità”.
Il sindaco dimissionario dell’Aquila si aspetta infatti “che venga istituita al più presto una Commissione parlamentare d’inchiesta sulla ricostruzione, e che anche la Corte dei conti si chieda se stia funzionando tutto bene”. (da abruzzoweb)

Print Friendly, PDF & Email

Condividi