Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiChieti. Università: la Corte dei Conti apre indagine sui compensi dei collaboratori linguistici

Chieti. Università: la Corte dei Conti apre indagine sui compensi dei collaboratori linguistici

La Corte dei conti indaga sui compensi dei collaboratori ed esperti linguistici dell’ateneo “d’Annunzio”, i cosiddetti cel.

A chiamare in causa la Corte è stato il direttore generale Filippo Del Vecchio a seguito di un parere del collegio dei revisori dei conti che poneva dubbi sul trattamento giuridico ed economico dei 16 cel dell’ateneo teatino-pescarese, sollevando la possibilità che questo tipo di docenti avessero percepito somme in eccesso.

Di fronte a quel parere Del Vecchio, senza andare troppo per il sottile, ha richiesto indietro le somme che sarebbero state percepite in più (si va dai 70 mila e 90 mila euro a testa che i cel avrebbero dovuto versare in 15 giorni, cosa che non hanno fatto avviando, invece, battaglie legali) e si è rivolto alla Corte dei conti, mettendo in mora l’ex rettore Franco Cuccurullo e l’ex direttore generale Marco Napoleone.

La Procura regionale della Corte dei conti ha avviato un’indagine e per prima cosa ha richiesto la messa in mora non solo di Cuccurullo e Napoleone ma anche dei membri degli organi universitari che hanno approvato le due delibere (la prima del 2008 poi confermata con la seconda nel 2011) che hanno sancito il trattamento economico e giuridico di questo tipo di figure professionali.

Il 17 agosto scorso la Corte ha infatti scritto a Del Vecchio dicendo che “appare opportuno estendere la costituzione in mora necessaria per interrompere il decorso della prescrizione quinquennale anche ai soggetti… che hanno fattivamente concorso non solo con l’espressione di voto favorevole ma anche con l’attività amministrativa istruttoria all’approvazione delle segnalate delibere collegiali”.

E dunque l’inchiesta si allarga coinvolgendo prima di tutto l’ex consiglio di amministrazione, cuore di ogni determinazione dell’ateneo, ma anche l’ex collegio dei revisori dei conti che non aveva sollevato alcun problema sulle due delibere in questione, quelle del 24-11-2008 e del 21-2-2011.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi