Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiChieti, mercatini natalizi: è guerra tra Confartigianato e Comune

Chieti, mercatini natalizi: è guerra tra Confartigianato e Comune

Una lettera accorata, inviata al sindaco Di Primio e all’assessore alle attività produttive Antonio Viola.
Nel documento si lamentare la scarsa qualità del mercatino organizzato nello scorso fine settimana a piazza San Giustino. Porta la firma congiunta di Claudio Di Marzio e Daniele Giangiulli, rispettivamente presidente cittadino e direttore provinciale di Confartigianato Chieti, che hanno raccolto le lamentele di un folto numero di commercianti del centro storico letteralmente furenti con il Comune per il mercatino autorizzato in piazza San Giustino. Dove si sono sistemate alla buona una decina di bancarelle di oggettistica. In compenso è stato interdetto al traffico, proprio di sabato e di domenica quando di solito c’è maggiore passeggio in centro, l’intero parcheggio che fronteggia la cattedrale. Non a caso sul Colle è stato praticamente impossibile parcheggiare. Un qualcosa che ha indispettito non poco gli esercenti, specie di via Pollione e di corso Marrucino. «Il mercatino dello scorso 15 e 16 dicembre -affermano Di Marzio e Giangiulli- non ha certamente aiutato il già martoriato commercio del Colle. Numerosi commercianti e artigiani hanno etichettato il mercatino posto in piazza San Giustino come davvero di basso profilo. Peraltro ha di fatto bloccato la possibilità di parcheggio nell’intero centro storico».
L’esatto contrario di ciò che sarebbe servito dopo una settimana di freddo polare e di neve. «Situazioni meteorologiche che di certo non hanno incentivato il passeggio in centro storico. Si sperava in altro e invece -sottolineano Di Marzio e Giangiulli- con questa tipologia di manifestazioni si mette a dura prova il transito, il parcheggio e un normale utilizzo del centro cittadino».
 Da qui l’appello al Comune. «Chiediamo al sindaco e all’assessore al commercio di constatare quanto lamentato dalla categoria e di evitare di occupare quello che è il principale e strategico parcheggio di Chieti prendendo atto -aggiungono Di Marzio e Giangiulli- che iniziative del genere non solo non posseggono un tenore degno dell’immagine che tutti noi vorremmo appartenesse alla nostra città ma risultano allo stato perniciose».
LA REPLICA DELL’ASS. VIOLA
Desidero innanzitutto rimarcare le numerosissime riunioni svoltesi con tutte le Associazioni di categoria di Commercianti ed Artigiani, ivi compresa laConfartigianato, preliminari alla stesura del programma concernente lo svolgimento dei mercatini tematici in Città.Il calendario è stato, pertanto, approvato in pieno accordo ed oggi appare singolare la presa di posizione della Confartigianato secondo cui l’Amministrazione Comunale non avrebbe dovuto interdire al traffico, nelle giornate di sabato 15 e domenica 16 dicembre 2012, Via Pollione e Piazza S. Giustino, chiusura peraltro già verificatasi in altre circostanze nel corso dell’anno senza che i commercianti abbiamo avuto nulla da ridire.Per quanto riguarda la qualità del mercatino svoltosi nelle suddette giornate, prendiamo atto che, specie nella giornata del sabato, questo non fosse all’altezza delle aspettative tanto è vero che il sottoscritto, alle ore 15.00 dello stesso 15 dicembre, ha dato disposizione alla Polizia Municipale di riaprire al traffico via Pollione e Piazza S. Giustino.Nella giornata di domenica, invece, il mercatino era pieno di banchi ed è stata tanta la gente che lo ha visitato riversandosi poi lungo le vie del centro storico. Ricordo, altresì, che i mercatini dell’usato vengono autorizzati in ossequio di una circolare del Ministero dell’Ambiente che intende favorire forme di riciclo degli oggetti. In periodi dell’anno come le festività natalizie, non semplice organizzare dei mercatini di alta qualità vista la concomitanza di numerose, analoghe iniziative che si svolgono su tutto il territorio nazionale.LAmministrazione Comunale sta, tuttavia, prendendo in esame la possibilit di non autorizzare pi lo svolgimento di mercatini tematici nelle giornate del sabato ma solo di domenica.”

Print Friendly, PDF & Email