Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiChieti. Florida missione a Bruxelles dei Giovani Imprenditori di Confindustria Chieti Pescara

Chieti. Florida missione a Bruxelles dei Giovani Imprenditori di Confindustria Chieti Pescara

Il viaggio studio, a cui ha partecipato un folta rappresentanza del Gruppo, ha rappresentato un momento importante per approfondire la conoscenza delle istituzioni europee, instaurare un dialogo con i nostri rappresentanti all’Europarlamento e conoscere le strategie messe in atto dall’Ue per sostenere gli imprenditori. Il gruppo ha potuto fruire di un calendario ricco di appuntamenti. Negli incontri presso la Delegazione di Confindustria a Bruxelles, dopo un approfondimento sul ruolo delle istituzioni europee, sono stati affrontati temi quali le modalità di fruizione dei programmi di finanziamento a gestione diretta, il programma Horizon 2020, il programma COSME e le opportunità di finanziamento per le PMI. Oltre al collegamento diretto tra imprese e istituzioni europee, è stato evidenziato anche il ruolo strategico della Regione Abruzzo quale intermediario tra Bruxelles e il territorio; si è rilevata, inoltre, la necessità di partecipare attivamente ai tavoli di lavoro con le istituzioni locali da parte degli imprenditori. Dopo la visita al Parlamento Europeo i Giovani hanno incontrato l’onorevole Lara Comi, la quale ha espresso il suo pensiero sull’Ue mettendo in evidenza come nella capitale belga ci sia tra le forze politiche una forte sinergia, indipendente dallo schieramento politico, che permette di lavorare costruttivamente anche a sostegno delle imprese. In un quadro economico difficile per il Paese l’europarlamentare suggerisce di puntare sulla ricerca e l’innovazione perché su questi cardini poggia il futuro delle PMI. Importante l’incontro con Giuseppina Paterniti, corrispondente della Rai a Bruxelles, che sottolinea quanto sia importate per il nostro Paese l’appartenenza all’UE per poter competere a livello globale. La giornalista, esperta delle dinamiche delle istituzioni europee, tra l’altro mette in evidenza il ruolo strategico della costituenda alleanza franco tedesca che farà da traino per l’Europa. Incita i giovani presenti ad investire sull’innovazione digitale e sulla sicurezza energetica ma soprattutto ad avere entusiasmo; lo stesso entusiasmo degli imprenditori post bellici, sottolineando che questo è il momento delle sfide e del cambiamento. Interessante è stata la visita a Caterpillar SA., produttrice di veicoli pesanti, dalla quale sono emersi i punti di forza dell’azienda, tra i quali l’attenzione al cliente e l’estrema flessibilità, che gli permettono di essere una realtà dinamica tra le più grandi aziende a livello mondiale. Con la visita alla Abbazia di Maredsous, è stato interessante approfondire gli aspetti legati all’organizzazione del lavoro e a come questo modus operandi, caratteristico delle comunità di frati benedettini sin dai tempi della rivoluzione francese, possa essere parimenti adottato in un contesto industriale tipico dei giorni nostri. L’Abbazia di Maredsous dispone, infatti, di una importate capacità produttiva di birra e formaggi, dando lavoro ad oltre 200 famiglie. Occasione per riflettere sull’importanza della “sicurezza nei luoghi di lavoro” e della “dignità” del lavoratore è stata, infine, la visita alla miniera di carbone di Marcinelle, dove nel 1956 persero la vita 262 giovani minatori, dei quali 136 italiani (per una gran parte abruzzesi) a causa di un incidente. Durante la visita un toccante racconto di un minatore scampato alla tragedia è stato un ulteriore suggerimento per ribadire con forza la centralità del valore umano. “Abbiamo conciliato – dice soddisfatto il presidente Melchiorre – momenti di riflessione sull’etica e sulla sicurezza nel mondo del lavoro a momenti di approfondimento sul necessario collegamento tra le nostre aziende e le istituzioni europee, raccogliendo spunti su come integrarsi nel contesto europeo sfruttando al meglio i programmi di sviluppo che l’Europa propone. L’impegno, ora, è quello di far tesoro e capitalizzare questa esperienza con un progetto specifico che coinvolga i Giovani Imprenditori.”

 

Print Friendly, PDF & Email