Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiChieti. Firmata intesa per valorizzazione della costa dei trabocchi

Chieti. Firmata intesa per valorizzazione della costa dei trabocchi

La valorizzazione della costa dei trabocchi passa attraverso la qualità delle acque marine e fluviali: di questo si è parlato nell’incontro tenutosi oggi in Camera di Commercio di Chieti alla presenza dei sindaci, amministratori dei comuni della Costa dei Trabocchi e della Capitaneria di Porto di Ortona, al termine del quale è stato siglato un protocollo di intesa per la realizzazione del contratto di costa.

L’incontro odierno ha permesso di porre l’attenzione sulle opportunità offerte dal “contratto di costa” per la salvaguardia dell’ecosistema marino e delle sue risorse e dalle opportunità finanziarie collegate che permetteranno di affrontare il tema della valorizzazione e dello sviluppo economico in chiave di sostenibilità ambientale. E’ emerso fondamentale il lavoro di continuo coinvolgimento di tutti i soggetti che a vario titolo intervengono sul tema della qualità delle acque fluviali e del mare con progetti integrati e condivisi.

“Il tema della qualità ambientale della costa, ha affermato Roberto Di Vincenzo, presidente della Camera di Commercio di Chieti, è trasversale a tutte le azioni di valorizzazione della Costa dei Trabocchi, in primis la realizzazione della pista ciclopedonale della Via Verde. Il Masterplan che stiamo mettendo in campo per la Costa dei Trabocchi sarà il collante tra i vari strumenti (GAL, FLAG, fondi europei) per un progetto unitario sulla Costa dei Trabocchi e anche tramite il contratto di costa stiamo riuscendo a coordinare tutti gli interventi”.

Gli aspetti tecnici relativi al percorso da realizzare per la stipula del contratto di costa sono stati affrontati da Marialuce Latini di Edenia Soc. Coop. mentre Tommaso Pagliani, coordinatore scientifico CDCA Abruzzo, si è soffermato sull’analisi degli strumenti di finanziamento degli interventi che, data la volontarietà del contratto di costa, permetteranno di dare forza e sostanza alle azioni.

Cosa è il contratto di costa. Introdotto nel Testo Unico Ambientale a fine 2015, è uno strumento volontario che si realizza tramite un approccio integrato e partecipativo dei portatori di interesse pubblici e privati, quali enti locali, operatori commerciali, associazioni di cittadini che vogliono essere parte attiva nella costruzione di un modello di sviluppo sostenibile e condiviso attraverso la definizioni di obiettivi comuni e approccio integrato della normativa e delle azioni da intraprendere. Il contratto di fiume ha l’obiettivo di regolare le attività poste per la riqualificazione delle acque superficiali e sotterranee, per la creazione ed individuazione di obiettivi comuni con altre normative europee che promuovono l’utilizzo di strumenti di governance e sussidiarietà per attuare le politiche ambientali. Nello specifico i contratti di fiume si ispirano alla Direttiva Quadro 2000/60/CE.Gli interventi troveranno i finanziamenti per la loro realizzazione nel Documento di Programmazione Economico Finanziario Regionale 2015-2017, nel Piano di Sviluppo Rurale, nello Sblocca Italia con l’art. 7, nei programmi comunitari LIFE, IPA e MED. Ogni contratto potrà quindi essere un autonomo attrattore di fondi per finanziare gli interventi previsti nello specifico programma di azione che, in forza del suo integrare gli interventi, ne potrà modulare tempi e modi.

Come si attiva un contratto di fiume/costa/lago. I soggetti aderenti al contratto di fiume definiscono un Programma d’Azione condiviso e si impegnano ad attuarlo attraverso la sottoscrizione di un accordo. L’intero processo sarà supportato da una Cabina di Regia, organo politico‐decisionale, composta dai referenti delle amministrazioni coinvolte, da una Segreteria Tecnica, organo esecutivo avente funzioni di supporto alla cabina di regia composta dai referenti tecnici e da un’assemblea composta dai vari portatori di interesse locale nella forma di organizzazioni legalmente costituite. E’ chiaramente evidente la forma partecipativa richiesta. Non è prevista l’adozione di provvedimenti autoritativi centralistici poiché è uno strumento di programmazione negoziata e partecipata che permetterà di “adottare un sistema di regole in cui i criteri di pubblica utilità, rendimento economico, valore sociale e sostenibilità ambientale intervengono in modo paritario nella ricerca di soluzioni efficaci per la riqualificazione di un bacino fluviale” (2° World Water Forum, marzo 2000).

Print Friendly, PDF & Email