Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieChietiChieti. Edilizia, Filca-Cisl: attendiamo ancora il protocollo d’intesa

Chieti. Edilizia, Filca-Cisl: attendiamo ancora il protocollo d’intesa

La Filca-Cisl di Chieti, torna a lanciare l’allarme “irregolarita’” e lo fa attraverso il proprio segretario generale Gianfranco Reale. “E’ piu’ di un anno ormai che invitiamo e sollecitiamo le Parti Sociali, gli Ordini Professionali e le Stazioni Appaltanti delle Pubbliche Amministrazioni a sottoscrivere un Protocollo d’Intesa per il rilancio del settore, ma, finora, solo promesse, rinvii, ritardi e aria di sufficienza di persone che non vivono le realta’ dei cantieri edili e della situazione di precarieta’ che si e’ innescata da quando e’ cominciato il declino delle costruzioni in generale”. Reale incalza: “Non e’ difficile per gente come noi che visita quotidianamente i cantieri, trovare macroscopiche tracce di una crisi che ormai e’ diventata consuetudine, dove tra imprese e lavoratori e’ gara per sopravvivere, dove il mancato rispetto delle norme contrattuali e di legge rientra nella normalita’. Non bisogna andare lontano per accorgersi di tutto questo. E’ recente – denuncia il sindacalista – che la ditta Sub-Appaltatrice SLIM srl, che sta effettuando “Lavori di Sistemazione di Viale Abruzzo e Viale Benedetto Croce”, di Chieti Scalo, oltre a non aver assunto i lavoratori impiegati nella sistemazione dell’opera, non risulta nemmeno iscritta nella Cassa Edile di Chieti e/o Edilcassa Abruzzo”. “Non vogliamo fare a tal proposito alcun commento – continua Reale – ne’ vogliamo infierire nei riguardi delle imprese alle prese con mille problemi, ma vogliamo rivolgere pero’ un accorato appello a tutti gli attori che gravitano attorno al mondo edile affinche’ vi sia piu’ prevenzione nei riguardi di chi elude la norma, piu’ attenzione ai problemi dei lavoratori e delle imprese. Bisogna creare quelle condizioni ottimali – conclude Reale – perche’ ognuno riacquisti la propria identita’ e questo lo si potra’ fare unicamente se mettiamo insieme le nostre risorse per il bene comune della nostra amata edilizia, come gia’ proposto nel protocollo d’intesa, presentato alle Stazioni Appaltanti, per il miglioramento delle condizioni di lavoro ed il rilancio del settore delle costruzioni. Proposte efficienti ed efficaci a tutt’oggi inevase”.

Print Friendly, PDF & Email