Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoCapri. Addari, Confindustria Pescara: “le imprese non sono limoni da spremere”

Capri. Addari, Confindustria Pescara: “le imprese non sono limoni da spremere”

Le imprese non devono essere viste come limoni da spremere: è un fatto che in questo momento su di esse vengono scaricati i costi dell’inefficienza. Basta guardare il dato delle addizionali delle imposte regionali delle Attività Produttive decise sulle Regioni non virtuose, per capire che per prime sono chiamate a pagare proprio le imprese che assumono: una scelta che ha voluto penalizzare chi fa di più. Ad oggi abbiamo il carico fiscale complessivo che supera il 68%, il sistema di pagamento della P.A. assolutamente inefficace, paghiamo giornate intere di lavoro per sbrigare pratiche burocratiche che non finiscono mai: tutto questo non ci mette in linea non solo con i Paesi emergenti ma addirittura con i nostri stessi partners europei. Dobbiamo tornare ad essere un Paese normale, nel quale lo scarto tra quello che entra nelle tasche dei lavoratori e il lordo pagato dagli imprenditori non patisca un “gap di iniquiquità” che costringe a ridurre i consumi, impedendo così il recupero di un ciclo virtuoso.

Questo è quanto devono fare i decisori per impedire la desertificazione imprenditoriale.

Noi, come Imprenditori, possiamo solo cercare di mettere in vetrina i casi di eccellenza di quanti, giovani e non, hanno creato nuovi modelli positivi. Come Giovani – e personalmente come responsabile di Quale Impresa, l’ous organ dei G.I. Confindustria Italia – ci stiamo impegnando con azioni mirate su tutto il territorio nazionale.    

Alessandro Addari, Presidente G.I. Confindustria Pescara

AGEA

Capri, 26 ottobre 2012

Print Friendly, PDF & Email