Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'AquilaCaporciano. L’ufficio per la ricostruzione dà il nulla osta per il centro storico

Caporciano. L’ufficio per la ricostruzione dà il nulla osta per il centro storico

E’ stato sottoscritto questa mattina presso l’Ufficio Speciale per la Ricostruzione dei Comuni del Cratere, l’atto di Nulla Osta per il Piano di Ricostruzione del centro storico di Caporciano, da parte del Titolare dell’Usrc, Paolo Esposito e del sindaco Ivo Cassiani, alla presenza del consigliere comunale Mario Andreucci, dell’Ufficio Tecnico comunale nelle persone del geom. Francesco Corsi e dell’ing. Giuseppe Eusani, e del coordinatore dei Comuni del Cratere Emilio Nusca. La sottoscrizione dell’atto di Nulla Osta, che attesta la congruita’ economica delle stime dei costi di attuazione del Piano di Ricostruzione, insieme all’Accordo di Programma con la Provincia dell’Aquila – firmato poche ore prima – conclude la fase di programmazione delle risorse e consente di avviare la ricostruzione del centro storico. Il fabbisogno complessivo necessario all’attuazione del Piano e’ pari ad oltre 32 milioni di euro, di cui circa 30 milioni sono destinati alla ricostruzione privata di 36 aggregati e 11 edifici singoli, ed i restanti 2 milioni sono riservati agli interventi pubblici per la riparazione del danno riportato dagli edifici di proprieta’ pubblica e dalle reti dei sottoservizi e al ripristino della pavimentazione degli spazi urbani. Gli interventi programmati con il Piano di Ricostruzione si affiancano a quelli sull’edilizia residenziale pubblica, gia’ finanziati attraverso il Decreto del Commissario Delegato per la Ricostruzione n. 23 del 15 novembre 2010 e a quelli sul Complesso parrocchiale di S. Benedetto e sulla chiesa di S. Rocco ricomprese nel programma di interventi Mibac. Ad oggi sono 36 i Comuni che hanno concluso l’iter di formazione ed approvazione del Piano di Ricostruzione, con un fabbisogno complessivo stimato pari a 2,27 miliardi di euro di cui 1,98 miliardi di euro sono destinati agli interventi privati e 290 milioni di euro a quelli pubblici.

Print Friendly, PDF & Email