Ultime Notizie
HomeTutte le agenziePescaraBussi. Processo Montedison: domani udienza in Corte d’Assise d’Appello

Bussi. Processo Montedison: domani udienza in Corte d’Assise d’Appello

Riprende domani il processo in Corte d’Assise d’Appello all’Aquila relativo alla cosiddetta mega discarica dei veleni di Bussi (Pescara) della Montedison. Il programma prevede le requisitorie dei procuratori generali Romolo Como e Domenico Castellani. Il processo è stato rinviato dopo la prima udienza nello scorso mese di dicembre. L’indagine della Procura di Pescara sulla mega discarica dei veleni prese il via nel 2007 con la scoperta da parte del Corpo Forestale dello Stato di circa 185 mila metri cubi di sostanze tossiche e pericolose in un’area di quattro ettari nei pressi del polo chimico di Bussi sul Tirino. L’area, definita subito come la più grande discarica inquinata d’Europa, viene posta sotto sequestro. Dagli anni ’60 agli anni ’90, secondo i risultati dell’indagine, sono state sversate e smaltite abusivamente tonnellate di sostanze pericolose, fra cui cloroformio, tetracloruro di carbonio, esacloroetano, tricloroetilene, triclorobenzeni e metalli pesanti. Il presidente del collegio giudicante, Luigi Catelli, d’intesa con le parti, ha fissato un fitto calendario di udienze: la sentenza è prevista il 31 gennaio. Il calendario prevede udienze il 16 per le parti civili, nei giorni 17, 19, 25, 26 e 30 per le difese, infine il 31 eventuali repliche, se nel giorno precedente non si fossero ultimate, e la Camera di Consiglio con la sentenza. Il collegio si è riservato la data del 23 gennaio per un eventuale completamento della discussione delle parti che non abbiano potuto svolgere l’intervento. A questa fase del procedimento all’Aquila si è arrivati dopo il pronunciamento dello scorso marzo da parte della Cassazione che ha convertito in appello tutti i ricorsi presentati alla Suprema Corte. In Corte d’Appello a Chieti il 19 dicembre 2014, 19 imputati erano stati assolti dall’accusa di aver avvelenato le falde acquifere mentre il reato di disastro ambientale fu derubricato in colposo e quindi prescritto.

Print Friendly, PDF & Email