Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieL'industrialeARRIVA STARTECH, PROGRAMMA PER L’INNOVAZIONE Ricerca e impresa si avvicinano per lo sviluppo del territorio

ARRIVA STARTECH, PROGRAMMA PER L’INNOVAZIONE Ricerca e impresa si avvicinano per lo sviluppo del territorio

«Startech», è un programma nazionale, progettato e realizzato da Sviluppo Italia per la promozione della ricerca industriale, per la creazione di nuove imprese hi-tech e per lo sviluppo di sistemi territoriali di impresa ad alta innovazione. Gli scopi prioritari di «Startech», sono quelli di ridurre la distanza tra il mondo della ricerca e quello dell’impresa, favorire la nascita e lo sviluppo di imprese ad alto contenuto di conoscenza e tecnologie e migliorare l’attrattività di alcune aree per nuovi investimenti hi-tech nazionali ed internazionali. Il programma si rivolge a chi è in possesso di un know-how specialistico, quindi a giovani laureati con tesi sperimentali, tecnici di laboratorio, docenti e ricercatori che intendono mettersi in proprio, attraverso l’acquisizione temporanea (dai 3 ai 5 anni) di quote di minoranza del capitale di rischio che prevedano investimenti complessivi non superiori a 2.582 milioni di euro (5 miliardi di lire). Il progetto «Startech» per l’Abruzzo, è stato presentato ad Assergi, presso la sala congressi dei laboratori esterni dell’istituto di Fisica nucleare, da Sviluppo Italia insieme all’Università degli Studi di L’Aquila-Facoltà di Ingegneria. La conferenza è stata aperta dal saluto del Prof. Alessandro Bettini Direttore dell’Ist. Nazionale di Fisica Nucleare INFN; i lavori si sono svolti con il coordinamento di Danilo De Masi per Sviluppo Italia Abruzzo e da Giuseppe D’Alessandro per I.G. Students. Tra gli interventi Stefano Lalli, responsabile di Sviluppo Italia Abruzzo per gli Enti Pubblici, ha inquadrato il nuovo programma “Startech” nell’ambito delle iniziative di Sviluppo Italia in Abruzzo ed ha preannunciato un “concorso di idee hi-tech” in collaborazione con l’INFN dopo il successo di quello gestito per conto della Regione sul lavoro autonomo; Valentina Bianchi, Presidente regionale dei Giovani Industriali d’Abruzzo, ha illustrato in senso critico il basso livello di investimenti nel settore della Ricerca e Sviluppo. Fabrizio Cobis, Direttore Ufficio Ricerca del MIUR, ha sottolineato l’importanza del collegamento tra mondo della Ricerca ed Industria ed ha tracciato le linee guida dello strumento normativo gestito dal Ministero (D.Leg. 297); Gianni Blasetti, Presidente degli Industriali di Pescara, ha illustrato le attività di Abruzzo Capital, finanziaria di partecipazioni che affiancherà Sviluppo Italia Abruzzo nell’assistenza finanziaria alle nuove imprese che nasceranno con i benefici del Programma Startech. Hanno portato il saluto Walter Frank della Direzione tecnologica di Alenia-Finmeccanica e Raffaele Trivellino del Patto Territoriale Sango-Aventino. Alfredo Castiglione, Vice Presidente del Consiglio Regionale, ha portato il saluto del Presidente On. Giovanni Pace e confermato la volontà della Regione di affiancare l’iniziativa con gli strumenti regionali di finanziamento all’innovazione tecnologica. Teresa Del Pizzo dello staff tecnico di Sviluppo Italia ed il Preside della Facoltà di Ingegneria, Prof. Ing. Enzo Chiricozzi, che ha anche presentato un progetto patrocinato dalla Facoltà di Ingegneria nel settore dei motori elettrici, hanno illustrato nel dettaglio il programma che ha 70 miliardi di lire di dote ed è già operativo per promuovere i programmi di ricerca industriale, sostenere la ricerca verso la produzione di brevetti, promuovere nuove imprese hi-tech e incentivare meccanismi di partnership tra ricercatori e imprese. Il Programma “Startech” è operativo in tutta Italia e si rivolge a chi oggi lavora a qualsiasi titolo nel mondo della ricerca universitaria e non: è anche possibile assumere notizie sul sito www.opportunitalia.it/startech. Per accedere ai servizi di Startech (sviluppo know how, tutoring tecnologico, partnership di produzione/di mercato, consulenza per la brevettazione, business planning, assistenza al fund raising) si deve compilare una semplice scheda, nella quale si dovranno descrivere i possibili sviluppi imprenditoriali del proprio progetto di ricerca. Al fine di assistere a livello locale i potenziali neo-imprenditori hi-tech la struttura regionale di Sviluppo Italia, ha provveduto a costituire un nucleo di operatori attivi sul territorio di Abruzzo, Umbria e Marche.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi