Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieTeramoAlba Adriatica. Turismo, l’associazione ristoratori: da subito un sistema di programmazione virtuoso

Alba Adriatica. Turismo, l’associazione ristoratori: da subito un sistema di programmazione virtuoso

Ariaa l’associazione dei ristoratori albensi ha proposto già da tempo al mondo dell’associazionismo locale ed all’amministrazione comunale una riorganizzazione della proposta turistica ed una regolamentazione delle attività enogastronomiche estive. Possiamo affermare con soddisfazione che per il bene del paese e per il suo rilancio turistico sia rinata ad Alba Adriatica la consapevolezza di dover fare sistemaattraverso la cooperazione. Già alcune iniziative intraprese in questa direzione dalle associazioni territoriali hanno aperto la strada ad un futuro incentrato sulla cooperazione. Alba Adriatica vanta un sistema turistico solido che deve essere messo in condizioni di operare all’unisono superando la temporanea e dannosa frammentazione determinatasi da alcuni anni. L’obiettivo è divenire da subito un sistema di programmazione virtuoso. E’ possibile già oggi concentrare le risorse economiche e le energie presenti sul territorio per riordinare la programmazione degli eventi e puntare all’organizzazione di’5’eventi’estivi’ molto importanti. 5 eventi capaci di coinvolgere’le diverse’realtà’del’paese e determinare’così’un ottimo ritorno sia sotto il profilo della promozione’e’della’ visibilità’sia’sotto’il’profilo’dell’affluenza’turistica. Il Carnevale Estivo in questa direzione rappresenta un bell’esempio di manifestazione allargata a tutto il paese. Lo’stesso’regolamento’delle’sagre e’delle’feste, che’l’amministrazione’comunale’ha’ annunciato’per’settembre è ormai ritenuto necessario’e’non’più’rimandabile. Esso’va’inquadrato’in’questo’generale’percorso’di’riorganizzazione. Ancora oggi gli eventi enogastronomici proposti nel territorio sono spesso frammentari ed attinenti unicamente al vantaggio di singole realtà associative, incapaci da sole di partorire un’iniziativa aperta alla valorizzazione delle tradizioni locali, delle realtà professionali e del bene comune. Spiace’constatare come’ qualche’realtà’associativa’del’paese,’come’la’Proloco, sia rimasta chiusa per tutti’questi’anni in’una’visione’ristretta’e’personale. Le’belle’parole lasciano’sempre’il’tempo’che’trovano,’mentre le’azioni’concretamente’ compiute’anche’quest’anno testimoniano, al’di’là’dei’proclami,’una’chiara difficoltà a’ muoversi’sul’terreno’della’cooperazione. Un freno posto allo sviluppo del paese non è più auspicabile. Ad’Alba’è necessario’ed’urgente’avviare un’percorso’nuovo,’diverso’e’ricco’di’ aspettative’entusiasmanti. Alla’politica’ed’all’amministrazione comunale il’compito di’agevolare e non ritardare  questo fondamentale percorso, alle’associazioni il ruolo di profondere nelle iniziative  le’migliori energie’per il bene della città. Alba’rimane’un’solido’punto’di’riferimento’per’il’turismo’abruzzese.

Print Friendly, PDF & Email