Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAlba Adriatica: sì a tassa di soggiorno, ma dal 2013

Alba Adriatica: sì a tassa di soggiorno, ma dal 2013

 

Sì alla tassa di soggiorno, ma dal 2013. E’ una soluzione ponte, utile per mediare le posizioni fino ad ora distanti, quella elaborata dal comitato No Bed Tax e le amministrazioni comunali di Martinsicuro, Alba Adriatica e Tortoreto,

in procinto di mettere nero su bianco l’accordo raggiunto con i rappresentanti delle categorie degli albergatori. La gabella sul flusso turistico, sdoganata a livello nazionale da alcune località, troverà applicazione anche sul litorale Teramano, non subito, però, ma solo a partire dall’estate del 2013. Per la prossima estate, dunque, non ci sarà nessun balzello per gli albergatori e di riflesso per i vacanzieri. Prospettiva, questa, che era stata dipinta dagli operatori turistici come una vera e propria iattura, che in una fase di forti difficoltà economiche avrebbe potuto incidere negativamente sull’industria delle vacanze. A dire il vero un documento di intenti è stato già sottoscritto, tra il Comune di Martinsicuro e la locale associazione degli albergatori. La stessa procedura sarà seguita anche dalle altre due municipalità, Alba Adriatica e Tortoreto, in modo da definire nel dettaglio la strategia operativa. Gli albergatori, dunque, sono disposti ad accettare l’introduzione della tassa di soggiorno, ma solo dal 2013. Tempistica, questa, che consentirà sia di pianificare al meglio una serie di aspetti tecnici (i prezzi del 2012 erano già stati fissati), legati soprattutto al modo con il quale l’imposta sarebbe stata riscossa. “ La mobilitazione che si è generata dietro a questo tema, molto sentito” commenta Andrea Montecchia, presidente del consorzio turistico Costa dei Parchi, “ nella quale hanno recitato un ruolo importante le varie associazioni tra l’Abruzzo e le Marche, ha prodotto risultati importanti. Da parte dei sindaci è emersa la consapevolezza di quello che è il momento economico e l’applicazione della tassa è stata differita al 2013”. Poi, tra un anno, la situazione economica generale e degli enti pubblici potrebbe anche avere risvolti diversi e magari rivedere anche questa opzione. L’unica certezza, al momento, è che la tassa di soggiorno, nella prossima estate, non troverà ospitalità a queste latitudini.

Fonte: cityrumors

Print Friendly, PDF & Email

Condividi