Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieTeramoAlba Adriatica: esposto da concessionari e turisti contro divieto di balneazione

Alba Adriatica: esposto da concessionari e turisti contro divieto di balneazione

Tanto tuonò che piovve. L’avevano annunciato e dalle parole sono passati ai fatti. I commercianti ed i concessionari di spiaggia che fanno capo all’associazione Rotonda Nilo di Alba Adriatica hanno inviato un esposto alla Procura di Teramo per costituirsi parte civile contro l’inquinamento del mare, triste ricordo di appena una settimana fa, e i danni prodotti dal temporaneo divieto di balneazione. Danni non solo d’immagine, ma anche economici.
La zona Nord di Alba, quella al confine con il Vibrata, ha vissuto lo scorso week-end con il fiato sospeso, in attesa che le analisi dell’Arta rendessero noto se il tratto di spiaggia dalla foce allo stabilimento Barbanera fosse tornato balneabile. Così è stata avviata una raccolta di firme per un esposto denuncia che sarà primo inviato al sindaco, Franchino Giovannelli, e quindi alla Provincia di Teramo e alla Procura della stessa città. Una sorta di memoriale che racconta anche della morìa di pesci del 2010 sempre alla foce del Vibrata. Un episodio che portò alla sospensione della Bandiera Blu, ma soprattutto si trasformò in un enorme danno di immagine per il tratto Nord del lungomare Marconi. Così, a distanza di una settimana dal divieto di balneazione, Gianni di Marco, presidente dell’associazione, scrive: Abbiamo subito dei danni sia d’immagine che economici. Alcuni turisti, di fronte al divieto di balneazione, hanno interrotto anticipatamente le proprie vacanze, altri hanno disdetto. Siamo stanchi di subire passivamente tutto ciò e ora si passa alle vie di fatto”. Polemiche si sono registrate anche perché il divieto di balneazione non sarebbe stato adeguatamente comunicato tanto che numerosi bagnanti non ne erano nemmeno a conoscenza.
Da TVP

Print Friendly, PDF & Email