Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Vino, da vendemmia attesi risultati eccellenti

Abruzzo. Vino, da vendemmia attesi risultati eccellenti

Una vendemmia che annuncia buone notizie anche per l’Abruzzo. Dove, seppur ancora in evoluzione, i risultati potrebbero essere eccellenti, almeno da quanto emerge dalle prime vinificazioni e dallo studio sulle curve di maturazione delle uve. Si e’ infatti conclusa la raccolta dei vitigni precoci ed e’ in corso la raccolta di Pecorino e Passerina che verranno seguiti da Cococciola, Sangiovese e Trebbiano per chiudere con il Montepulciano. “Se le condizioni climatiche continueranno accompagnate da buona escursione termica, potremo ricordare una delle migliori vendemmie dal punto di vista qualitativo e con un aumento collaterale della produzione che potra’ attestarsi al +10/15% rispetto alla campagna precedente”, evidenzia l’ufficio vitivinicolo della Coldiretti Abruzzo. “Dopo l’abbandono volontario favorito dalla riforma dell’OCM vino nel triennio 2008/2010, i produttori abruzzesi hanno intrapreso un percorso di adattamento al mercato, da un lato riscoprendo le nuove varieta’ autoctone (Montonico, Cococciola, Pecorino, Passerina) grazie anche ai fondi comunitari per la ristrutturazione e la riconversione dei vigneti e dall’altro, con la revisione della normativa sulle Denominazioni d’Origine, aumentando la possibilita’ di costruire un’offerta enologica piu’ intimamente legata al territorio e piu’ trasparente con i consumatori. In questi anni – concludono i tecnici di Coldiretti – le produzioni vinicole regionali sono cresciute grazie alla loro qualita’ intrinseca e all’impegno dei produttori ma anche delle istituzioni con iniziative come il sostegno alla ristrutturazione dei vigneti, la partecipazione alle piu’ importanti manifestazioni enologiche e la revisione dei disciplinari a denominazione d’origine. Il comparto e’ in crescita, le esportazioni sono aumentate in valore del 16,7% nel primo trimestre 2013 e questo, significativo in un momento difficile per la nostra economia, dimostra che la qualita’ paga”.

Print Friendly, PDF & Email