Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo: UGL preme per quoziente familiare

Abruzzo: UGL preme per quoziente familiare

La chiusura in attivo di 5 milioni per il 2011, su un avanzo di 61, rappresenta senza dubbio un buon risultato ed apre a nuovi scenari. E’ necessario ora procedere rapidamente ad un abbassamento della pressione fiscale per dare una boccata d’ossigeno, non solo all’economia regionale, ma soprattutto alle famiglie che, come sostenuto da molti, sono sempre pi povere e stanno pagando un prezzo altissimo a causa delle pesanti manovre del governo Monti. Il sistema che a nostro avviso garantisce maggiore equita’ e’ senza dubbio quello del ‘quoziente familiare’. In pratica bisogna creare un nuovo sistema per calcolare le tariffe e la pressione fiscale che, partendo dalla dichiarazione ISEE, veda inseriti dei correttivi legati al numero e alla situazione dei componenti il nucleo familiare, come ad esempio la presenza di donne in stato di gravidanza, di soggetti portatori di handicap, di figli sotto i 26 anni e di anziani ultra settantacinquenni non autosufficienti. Tale sistema, inoltre, dovra’ tener conto della condizione temporanea di difficolta’ economica come la presenza in famiglia di soggetti disoccupati e/o inoccupati. Chiediamo quindi al Presidente Gianni Chiodi di valutare attentamente la possibilita’ di adozione del ‘quoziente familiare’ che, tra l’altro, e’ stato gia’ attuato da altre importanti realta’ nazionali come i comuni di Roma e Parma e la regione Lazio.
UGL – Abruzzo Il Segretario Generale Piero Peretti

Print Friendly, PDF & Email