Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzo, trasporti: Cisl, accelerare su azienda unica

Abruzzo, trasporti: Cisl, accelerare su azienda unica

 

”L’idea che politicamente ci possano essere ancora pareri contrari alla costituzione dell’Azienda unica dei trasporti ci lascia interdetti, soprattutto alla luce dei tagli ingenti che interessano l’intero settore. Nessuno pensi di poter scaricare sui cittadini,

con aumento indiscriminato delle tariffe, il mancato coraggio di fare scelte di razionalizzazione e di riduzioni di sprechi e inefficienze”.
E’ quanto afferma il segretario generale della Cisl Abruzzo, Maurizio Spina, anche alla luce delle recenti opinioni espresse dai presidenti di Arpa e Gtm nel corso dell’audizione che li ha visti protagonisti presso la IV Commissione Trasporti del Consiglio regionale. Per Spina ”vanno ridotti il piu’ possibile i tempi di attuazione, anche attraverso modifiche al disegno di legge regionale ed in quest’ottica e’ bene prevedere modifiche nella conduzione delle societa’ pubbliche, qualora permangono posizioni di non condivisione delle scelte da parte di chi e’ chiamato a realizzarle”. Sul tema interviene anche il segretario generale della Cisl Trasporti regionale, Alessandro Di Naccio, per il quale ”la nostra posizione e’ chiara e si basa sulla necessita’ di arrivare in tempi brevi all’Azienda unica, a prescindere da quello che sara’ poi lo scenario di riferimento sul tema dell’apertura al mercato”. ”Gli obiettivi di razionalizzazione che sono alla base del progetto di Azienda unica – sottolinea Di Naccio – si sposano al meglio sia con ipotesi di mercato privatizzato che con scenari di affidamento, fermo restando che il quadro normativo di riferimento e’ ancora in fase di definizione e non prescinde da quelle che saranno le decisioni del Governo centrale in tema di liberalizzazioni dei servizi pubblici locali, nell’ambito del maxi emendamento”. E conclude: ”Affermare che si debba aspettare la cornice di riferimento, come fatto dai Presidenti di Arpa e Gtm, e’ semplicemente strumentale ed inaccettabile”.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi