Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Terremoto, ricostruzione: incontro partner del Comitato Abruzzo

Abruzzo. Terremoto, ricostruzione: incontro partner del Comitato Abruzzo

Verificare lo stato di attuazione delle raccomandazioni contenute nel rapporto Ocse – “L’azione delle politiche a seguito di disastri naturali: aiutare le regioni a sviluppare resilienza. Il caso dell’Abruzzo post terremoto” – discutendone con i protagonisti del mondo imprenditoriale, associativo e politico regionale. E’ questo l’obiettivo del workshop che il prossimo 15 ottobre a Castelli (Te) vedrà riuniti i partner del Comitato Abruzzo – composto da Confindustria, Cgil, Cisl e Uil – che hanno beneficiato del cofinanziamento del Fondo sisma istituito all’indomani del terremoto del 2009.

Una giornata all’insegna della riflessione applicata alle dinamiche progettuali e all’indotto generato dalle attività in corso, e di ricognizione sul recepimento delle raccomandazioni fornite dall’Ocse e dall’università di Groningen che vedrà impegnati, nella cornice della sede di Iciet Engineering – azienda edile specializzata nel restauro e nella conservazione dei beni storici e artistici beneficiaria, tra le altre, del finanziamento – amministratori locali e regionali, vertici delle associazioni datoriali e sindacali, delle Destination Management Company del turismo, dei Poli di innovazione, giornalisti, autorità militari, e rappresentanti delle aziende i cui progetti sono stati cofinanziati dal Fondo Sisma in ragione della loro capacità di creare crescita, occupazione ed innovazione. L’evento costituisce anche un’occasione per il Comitato Abruzzo, organo preposto al controllo e al monitoraggio dei progetti, di valutare l’andamento e l’evoluzione dei singoli programmi.

Nel corso della giornata di lavoro gli invitati si suddivideranno in gruppi di lavoro per discutere di “Strategia di innovazione regionale del sistema produttivo”, “Miglioramento dell’utilizzo del patrimonio culturale e ambientale e della strategia di sviluppo turistico integrato e sostenibile” e “Nuovo sviluppo dell’Aquila post terremoto: la città intelligente”. Ogni partecipante, in ragione del suo ruolo e della sua storia, potrà fornire un contributo operativo allo studio dell’Ocse – già presentato lo scorso I marzo nel corso di un Forum pubblico all’Aquila – realizzato con l’obiettivo di garantire la sostenibilità dell’economia locale e fornire opzioni strategiche affinché l’Abruzzo possa riprendersi dal disastro ed emergere più forte di prima.

Come nasce il Fondo Sisma:

Il 10 aprile 2009 la Confindustria e le Segreterie Generali di CGIL, CISL, UIL, hanno deciso di assumere una iniziativa congiunta di aiuto alle popolazioni dei territori della regione Abruzzo, della provincia e della città dell’Aquila e dei comuni limitrofi colpite dal sisma del 6 aprile 2009.

In analogia con gli interventi prestati in precedenti gravi occasioni, ogni impresa ha contribuito con una somma come minimo equivalente all’importo che è stato raccolto fra i propri dipendenti ai quali i sindacati hanno chiesto di devolvere l’importo di un’ora di lavoro. Sono stati raccolti circa 7 milioni di euro.

L’obiettivo condiviso è stato quello di garantire la certezza della destinazione e la loro più rapida utilizzazione ai fini della ricostruzione.

Il Comitato Abruzzo, su indicazioni del Comitato di Promozione del Fondo – presieduto da Fabio Spinosa Pingue e costituito dalle organizzazioni locali di Confindustria, Cgil, Cisl e Uil – ha scelto di cofinanziare 8 progetti innovativi e attrattivi che hanno scommesso sulla creazione di conoscenza e di sbocchi professionali per i giovani abruzzesi, nei settori industriali e della piccola e media impresa.

 

Print Friendly, PDF & Email