Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieUfficio StampaAbruzzo: successo al Foodex di Tokyo

Abruzzo: successo al Foodex di Tokyo

Il seminario dedicato al territorio abruzzese e alle eccellenze enogastronomiche, svoltosi nel padiglione italiano della fiera Foodex di Tokyo, e riservato a un pubblico selezionato di buyers e giornalisti, ha attirato un numero inaspettato di partecipanti,

 

 ben 46 accrediti per 30 posti a sedere. Il grande interesse suscitato dai sapori abruzzesi è stata una piacevole conferma dell’attenzione che il pubblico giapponese ha riservato ai 18 espositori della collettiva abruzzese, registrando un sensibile incremento di presenze presso il loro stand nei 4 giorni della manifestazione fieristica internazionale.
L’assessore regionale alle Politiche agricole, Mauro Febbo, ha moderato il seminario in collaborazione con il Commissario A.R.S.S.A., Gaetano Valente, evidenziando i risultati ottenuti con dati di mercato. Infatti, in questi giorni c’é stata una crescente visibilità del territorio abruzzese grazie ai prodotti enogastronomici veicolo di qualità, e affidabilità.
Gli espositori, soddisfatti degli ottimi risultati ottenuti, hanno evidenziato la necessità di incrementare la promozione nei Paesi esteri e ritengono che sia opportuno puntare con decisione nei mercati asiatici, dove alla diffusione del marchio sulla tipicità deve essere accompagnata una campagna di informazione sulle singole realtà aziendali e sui relativi processi produttivi.
L’assessore ha ricevuto preziose indicazioni dagli operatori e dai buyers intervenuti al seminario in merito al crescente interesse del mercato estero verso i nuovi vitigni autoctoni quali il Pecorino e ha riscontrato conferme sul trend positivo delle vendite di olive e olio extravergine di oliva, succhi e prodotti a base di carota e prodotti dolciari tipici.
La gradita presenza all’evento del presidente della Camera di Commercio Italiana in Giappone, Francesco Formiconi, conferma l’attenzione e la disponibilità di tutto il sistema istituzionale a supportare le imprese del nostro territorio.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi