Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Sistema bancario regionale, Cna: nuove proprietà investano su sistema imprenditoriale abruzzese

Abruzzo. Sistema bancario regionale, Cna: nuove proprietà investano su sistema imprenditoriale abruzzese

“I processi di aggregazione in corso nel sistema bancario abruzzese, annunciano uno scenario in cui le piccole banche avranno un ruolo sempre piu’ marginale. Con il rischio di pesanti ricadute per il nostro sistema produttivo“. Lo afferma, commentando i dati dello studio realizzato da Aldo Ronci per la confederazione artigiana abruzzese, il direttore della Cna regionale, Graziano Di Costanzo, secondo il quale “l’annunciata incorporazione anche di Caripe e Tercas nel gruppo Popolare di Bari, dopo quella che ha riguardato Carispaq e Bls all’interno di Banca Popolare dell’Emilia Romagna, portera’ di fatto alla quasi cancellazione dalla cartina geografica abruzzese del sistema delle piccole banche. Istituti che pure, in passato, avevano garantito credito a imprese e famiglie, grazie soprattutto al loro rapporto privilegiato con il territorio. Occorre ora lavorare affinche’ le nuove proprieta’ investano con convinzione e lungimiranza sul sistema imprenditoriale abruzzese, che ancora puo’ dare risposte importanti in tema di sviluppo e occupazione“. Quanto agli altri dati della ricerca, secondo Di Costanzo “l’Abruzzo conferma la sua superiore fragilita’ rispetto all’Italia, come dimostrano tassi di interesse e sofferenze piu’ alti, e un risparmio con il ‘segno meno’. In questo contesto si inseriscono le due importanti iniziative varate dalla Regione a sostegno dei confidi, riguardanti fondi comunitari per 18,5 milioni e Fas per 14 milioni di euro: somme rilevanti, che pero’ ancora non entrano nella disponibilita’ dei confidi, cui sono destinati, e dunque non producono ancora gli effetti auspicati a favore delle imprese”. “Si tratta dell’unico elemento positivo di questo quadro – conclude Di Costanzo – in attesa della ripresa dell’economia, in grado di aiutare le imprese a rilanciarsi; ma mai, come in questo caso, il fattore tempo diventa determinante”.

Print Friendly, PDF & Email