Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo, sigle verdi riunite: la Regione al Ministero entro il 6 marzo su gas e petrolio di scisto

Abruzzo, sigle verdi riunite: la Regione al Ministero entro il 6 marzo su gas e petrolio di scisto

La Regione Abruzzo dia manifestazione di interesse negativo all’invito della Ue sull’estrazione di gas e petrolio di scisto. Non taccia come ha fatto su Ombrina Mare tramutando il silenzio  in assenso.

Entro il 6 marzo deve rispondere alla Ue che sta raccogliendo pareri ai fini della formazione della posizione italiana: la Regione invii osservazioni negative. Quello della Ue è solo una domanda alle Regioni affinché possano manifestare i propri orientamenti circa l’estrazione di gas e petrolio di scisto (o shale).

I gas e olio di scisto sono quelli racchiusi nella roccia in maniera sparsa anziché in bacino: per estrarli bisogna trivellare in orizzontale e quindi procedere con cariche esplosive (metodo fracking).

Il territorio diventa una groviera e per riassestarsi provoca terremoti proporzionati.

I materiali usati per l’estrazione sono tossici per le falde acquifere, nelle quali si rintana spesso gas di fuga (in America capita di poter “accendere” l’acqua che esce dal rubinetto) o si mischia il petrolio, per l’aria in quanto è necessario tenere costantemente accese le canne di fuga del gas per evitare le esplosioni vicino alle zone di estrazione producendo così molta e molta Co2, per la terra che oltre a restare bucata viene contaminata dal materiale radioattivo usato per tracciare la disposizione del gas nella roccia.

L’estrazione di gas e petrolio di scisto sono convenienti finché il prezzo del petrolio resta alto: anche per questo il prezzo della benzina è fermo a 2 euro.

Di seguito la posizione ufficiale di tre firme congiunte,

LEGAMBIENTE ABRUZZO, WWF ABRUZZO, COORDINAMENTO NAZIONALE NO TRIV – ABRUZZO

Abruzzo, sigle ambientaliste riunite: la Regione dica no all’invito della Ue al fracking che notoriamente causa terremoti e inquinamento grave, di aria e di acqua.

Il gas ed il petrolio di scisto rappresentano per alcuni la nuova frontiera della ricerca di fonti energetiche non convenzionali: l’Europa con la Raccomandazione e Comunicazione Strategica presentata il 22/01/2014 usa l’argomento della decarbonizzazione, pur consapevole del grande impatto di queste fonti non convenzionali.

L’Italia viaggia nella confusione, Paolo Scaroni (Eni) apre a questa nuova ed inquietante frontiera con un eloquente “L’Europa apra allo shale gas”, il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, a pochi giorni dal suo insediamento si esprime favorevolmente, smentendo la SEN, mentre a settembre scorso, la Commissione Ambiente della Camera votava una risoluzione che vietava attività di fracking, detto anche shale gas.

Come spiega il giurista Enzo Di Salvatore “il 22 gennaio scorso la Commissione ha presentato una Comunicazione Strategica e una Raccomandazione con l’obiettivo di mettere a punto un quadro per la sicurezza e la protezione dell’estrazione di idrocarburi non convenzionali nell’UE.

Con la sua Raccomandazione – che, com’è noto, è un atto non vincolante – la Commissione invita gli Stati membri – che consentano all’utilizzo di tale tecnica – a valutare l’impatto ambientale e i rischi che le attività relative determinerebbero prima di rilasciare le autorizzazioni”.

Ebbene, entro il 6 marzo le Regioni avranno tempo per “inviare le eventuali osservazioni al Governo ai fini della formazione della posizione italiana ai sensi della legge 234/2012, in riferimento alle materie di competenza regionale”.

Dopo il silenzio-assenso della regione Abruzzo rispetto alla richiesta di numerose Intese riguardanti le istanze di ricerca di idrocarburi su terra ferma, dopo l’ambiguo procedere nella questione Ombrina Mare 2, è necessario ed urgente che la Regione inverta la rotta e non sprechi forse l’unica l’occasione utile per affermare il proprio “NO” all’impiego della tecnica del fracking in Abruzzo, e si attivi nelle opportune sedi affinché anche le altre Regioni esprimano la medesima posizione. Perché se le attività inerenti lo sfruttamento degli idrocarburi convenzionali è notoriamente di certo impatto, il fracking lo è ancora di più, basti pensare che mentre il gas naturale è intrappolato in rocce-serbatoio sotterranee, il gas di scisto, sebbene sia anch’esso un gas naturale, è racchiuso in rocce che devono essere fratturate affinché possano rilasciarlo. Tale tecnica comporta l’iniezione di elevati volumi di acqua nell’ordine di 1.000 m3 (1milione di litri) pari o superiore, per fase difratturazione, sino ad 10.000 m3 pari o superiore di acqua per l’intero processo di fratturazione in un pozzo, all’acqua vanno addizionate sabbia e sostanze chimiche, alcune molto tossiche, in modo da fratturare la roccia e facilitare l’estrazione del gas o del petrolio. Una tecnica che oltre ad avere bisogno di volumi d’acqua inammissibili, esercita un impatto micidiale sulle falde acquifere, e genera terremoti.

Legambiente Abruzzo

Wwf Abruzzo

Coordinamento Nazionale No Triv – Abruzzo

 

Print Friendly, PDF & Email