Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieUfficio StampaAbruzzo: risorse impegnate al 7,9%, capacità spesa al 3%. Chiodi controbatte

Abruzzo: risorse impegnate al 7,9%, capacità spesa al 3%. Chiodi controbatte

“L’Abruzzo non è tra le Regioni del Centro-Sud d’Italia

 

con una maggiore capacità di spesa, come sostiene Chiodi, ma è fanalino di coda” – dice il capogruppo regionale dell’Idv, Carlo Costantini, afferma che il presidente della Regione, Gianni Chiodi, “ha detto una bigia riguardo all’utilizzo dei fondi strutturali europei, perché “Il monitoraggio della UIL relativo all’utilizzo dei Fondi comunitari – sostiene Costantini – ci fornisce un quadro preoccupante che testimonia l’inerzia e l’incapacità della Giunta regionale di centrodestra. Già nel febbraio 2010 le tabelle della Ragioneria generale dello Stato mostravano una pessima immagine dell’Abruzzo. A quel tempo la Giunta, smascherata dai fatti, si ingegnò a trovare scuse risibili da propinare agli abruzzesi”.
“I dati sull’Abruzzo – prosegue Costantini – sono assolutamente impietosi e denunciano una paralisi evidente, completa e persistente, dovuta all’incapacità di questa Giunta regionale che non riesce a produrre alcun intervento significativo per dare uno scossone ormai indispensabile all’economia regionale”.
Per quanto riguarda la programmazione totale dei fondi comunitari, i dati complessivi aggiornati a dicembre 2010 – riporta l’esponente dell’IdV – ci dicono che l’Abruzzo ha impegnato appena il 7,9% delle risorse, mentre la capacità di spesa è stata solo del 3%. E’ il risultato peggiore in assoluto. Anche le altre regioni del Mezzogiorno ci surclassano sotto ogni punto di vista. La situazione è addirittura peggiore con riferimento al FSE, con l’Abruzzo fermo a una spesa certificata dello 0,1% del totale”.

Chiodi: capacità di  spesa dei fondi alta. Costantini si informi

“Ancora una volta, da parte dell’opposizione, un atteggiamento arrogante e mistificatore della realtà”. Il presidente Gianni Chiodi respinge al mittente le considerazioni secondo cui la Regione Abruzzo sarebbe fanalino di coda quanto a capacità di spesa dei fondi comunitari.
“Al 31 dicembre 2010 – ricorda il Presidente a Carlo Costantini, capogruppo IdV, che ha sollevato la questione – relativamente al programma Por Fesr 2007/2013, la cui dotazione finanziaria è di 345.369.139 euro, la Regione ha rendicontato alla Commissione europea 30.947.825 euro, pari all’8,9%, evitando il disimpegno automatico. Gli impegni giuridicamente vincolanti monitorati e validati alla stessa data – elenca ancora Chiodi – sono di 93.021.107, pari quindi al 26,93%. Preciso, inoltre, che tutte le risorse degli Assi I e III sono state impegnate mediante la pubblicazione dei bandi per l’attuazione delle attività previste”.
“Per quanto riguarda il Fondo sociale europeo (Fse) 2007/2013 – puntualizza il Presidente – questa Giunta regionale ha già speso 30 milioni e 200 mila euro, pari a circa il 10% del totale a disposizione. In questo modo abbiamo evitato il disimpegno automatico delle risorse, pratica questa che aveva purtroppo caratterizzato il precedente governo di centrosinistra, capace di spendere fino ad inizio 2009, quando ci siamo insediati, appena 400 mila euro”. “Probabilmente – osserva il presidente Chiodi – i dati snocciolati da Costantini non sono aggiornati. Le cifre reali parlano invece di un Esecutivo regionale che sta alacremente lavorando, producendo una crescita esponenziale nella capacità di spesa dei fondi Ue”. “Ricordo infine all’onorevole Costantini – aggiunge Chiodi – che se la nostra regione fa fatica a decollare è perché su di essa pesano ancora l’inattività e l’inefficienza di chi ha governato prima di noi e che ancora ci costringe, come nel caso dei 26 milioni da noi recuperati e già spesi, a lottare contro il tempo”.
Quanto, infine, all’accisa sul carburante, il Presidente fa notare che la sua introduzione è scaturita “dalla necessità di sanare l’enorme falla provocata dalla distrazione di centinaia di milioni di euro dal sistema sanitario da una maggioranza di cui Costantini stesso faceva parte e che ha sprofondato i bilanci regionali in un tunnel senza uscita”.
“Alla luce di questa nuova lettura dei dati – esorta in conclusione Chiodi – invito Costantini a rallegrarsi per i risultati raggiunti da questo Esecutivo in favore della popolazione abruzzese e ad aggiornarsi bene prima di avventurarsi in prediche che avrebbe dovuto rivolgere a se stesso ed alla sua maggioranza quando erano al governo”.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi