Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Riordino del comparto delle risorse idriche: nel prossimo autunno gli Stati Generali dell’acqua

Abruzzo. Riordino del comparto delle risorse idriche: nel prossimo autunno gli Stati Generali dell’acqua

“Mettere a sistema l’intero comparto delle risorse idriche della nostra regione, creando un coordinamento delle politiche di intervento in materia di acqua per razionalizzare e migliorare la qualita’ dei servizi a beneficio dell’ambiente e dei cittadini. E’ l’obiettivo che intendiamo centrare con gli Stati generali dell’acqua, l’iniziativa alla quale stiamo lavorando da tempo e che vedra’ la luce nel prossimo autunno”. E’ quanto riferisce l’assessore all’Ambiente, Mario Mazzocca, che questa mattina ha tenuto una riunione operativa con i gestori degli enti e i rappresentanti dell’associazione Conservizi Cispel, al fine di elaborare un percorso condiviso che porti ad una nuova strategia complessiva di riordino del settore. “Abbiamo ereditato una situazione complicata e difficile – spiega Mazzocca – che stiamo affrontando al fine di pervenire a una riformulazione del sistema idrico secondo regole di efficienza ed economicita’. Per questo intendiamo lavorare anche alla revisione del piano delle acque, attraverso l’elaborazione di un documento di programma complessivo. In aggiunta a cio’, lanceremo la proposta di una Carta delle Acque, un patto territoriale-istituzionale tra Regione, cittadini, Comuni ed enti gestori. Un lavoro quanto mai necessario in un momento come questo, dove appare ineludibile l’esigenza di intercettare le risorse finanziarie disponibili ed uscire cosi’ definitivamente dalla logica dell’emergenza, organizzando un sistema innovativo, efficiente e pienamente rispondente alle esigenze di tutela ambientale. Tra gli obiettivi che ci siamo prefissati – conclue Mazzocca – anche la formulazione di un protocollo fra la Regione Abruzzo, le Regioni Adriatiche e le delegazioni dell’altra sponda Adriatico sulle linee programmatiche e progettuali e gli interventi comuni, previsti nel quadro dell’utilizzo delle risorse dei Programmi della UE e della Macroregione Adriatico-Ionica”.

Print Friendly, PDF & Email