Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Porti, firmata l’intesa: gli scali abruzzesi con Civitavecchia

Abruzzo. Porti, firmata l’intesa: gli scali abruzzesi con Civitavecchia

Firmata a Roma l’intesa tra i Presidenti delle Regioni Lazio, Luca Zingaretti, e Abruzzo, Luciano D’Alfonso, per il passaggio dei porti di Ortona e Pescara all’Autorità portuale del Tirreno centro-settentrionale con sede a Civitavecchia. Ora la parola spetta al ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, al quale, contestualmente alla firma tra le due Regioni, è stata inviata la richiesta per il parere definitivo. Lo rende noto la Regione Abruzzo che da mesi è al lavoro per ottenere il passaggio. A tale scopo è stato redatto il ‘Dossier sul Corridoio merci Civitavecchia-Pescara-Ortona’, approvato con delibera di Giunta regionale n. 66 del 9 febbraio 2016 “relativamente alla costruzione di una diversa alleanza fra le portualità del Lazio e dell’Abruzzo ai fini della costituzione delle nuove Autorità di sistema portuali”. Soddisfatto il presidente D’Alfonso: “Ora abbiamo tutte le carte in regola per ottenere il trasferimento. La nostra strategia è unire il Tirreno all’Adriatico”. Il 24 febbraio scorso la Regione Lazio e la Regione Abruzzo hanno sottoscritto la lettera di intenti per il nuovo asse Civitavecchia-Pescara-Ortona, in relazione allo Schema di Decreto Legislativo recante ‘Riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione della disciplina concernente le Autorità portuali di cui alla legge 28 gennaio 1994, n. 84′. Lo Schema di Intesa tra le Regioni Lazio e Abruzzo per il trasferimento dei porti di Pescara e Ortona all’Autorità di Sistema Portuale del Mare Tirreno Centro-Settentrionale è stato approvato dalla Regione Abruzzo con delibera n.612 del 26-09-2016 e dalla Regione Lazio con delibera n.594 dell’11-10-2016. Lo scopo del governatore dell’Abruzzo è unire Tirreno e Adriatico “su gomma con il completamento della SS 652 Fondovalle Sangro e via mare con il raccordo all’autorità portuale di Civitavecchia con la finalità di collegare in maniera più funzionale l’Europa occidentale ai Balcani e far diventare l’ Abruzzo uno snodo fondamentale della trasportistica nella direzione ovest-est”.

Print Friendly, PDF & Email