Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Piano Spiagge, Fab-Cna: rabbia e delusione per rinvio

Abruzzo. Piano Spiagge, Fab-Cna: rabbia e delusione per rinvio

“Nel clima incerto di fine legislatura, a Palazzo dell’Emiciclo, la politica ha scelto di delegare al prossimo consiglio regionale la soluzione dell’annoso problema del piano demaniale marittimo. E prolungare l’incertezza su un provvedimento decisivo per il nostro turismo regionale”. Lo dichiara in una nota il segretario regionale della Fab-Cna, Cristiano Tomei, che esprime la delusione e la rabbia della sua categoria, di fronte al “nulla di fatto del consiglio regionale, convocato stamattina all’Aquila per l’ultima seduta prima del voto, con all’ordine del giorno diversi provvedimenti, tra cui appunto l’assetto delle nostre spiagge”. “La verita’ – sostiene Tomei – e’ che le nostre imprese sono state vittime del gioco delle parti, tra maggioranza e opposizione sulla questione del numero legale. Perche’ se e’ vero che nelle assemblee elettive spetta alla maggioranza l’onere di assicurarne il corretto funzionamento, anche attraverso il numero legale, e cio’ non e’ avvenuto, e’ vero pure che su un altro provvedimento iscritto all’ordine del giorno, relativo alla decisiva sorte degli “ungulati”, la minoranza ha contribuito ad assicurare il numero legale. I cinghiali, insomma, poterono piu’ delle nostre spiagge: gli operatori turistici, almeno, si aspettavano uguale trattamento”. Secondo la Fab-Cna, ” e’ grave che un provvedimento, il cui atto di inizio e’ datato il lontano 2011, sia arrivato in discussione a pochi giorni dal voto. In questo senso, sono evidenti, le responsabilita’ che porta la giunta regionale su di se’. Le imprese – conclude Tomei – dovranno attendere altri mesi per veder risolto il problema. In questo quadro di incertezze, tra cui resta quella sulle stesse concessioni demaniali marittime, per ora prorogate al 2020, c’e’ da chiedersi come possano le imprese programmare serenamente i propri investimenti, compresi quelli legati al bando per la legge regionale 77 del 2000″.

Print Friendly, PDF & Email