Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzo: ok ad aumento 10% bollo auto

Abruzzo: ok ad aumento 10% bollo auto

 

In Abruzzo il bollo auto aumenterà del 10% dal primo gennaio del 2012 per pagare i debiti della sanità: è stato il Consiglio regionale ad approvare nella seduta di stamani l’aumento del bollo

e, contestualmente, a cancellare l’aumento dell’aliquota dell’accise sulla benzina deciso nel 2009 per reperire i 13 milioni di euro l’anno necessari a rimborsare l’anticipazione di cassa di 200 milioni di euro concessa nel 2009 dallo Stato per pagare un ingente debito nella sanità emerso, secondo la maggioranza di centrodestra, all’improvviso e per responsabilità della precedente amministrazione di centrosinistra. L’aumento è contenuto nel progetto di legge su «Disposizioni in materia di entrate». Il provvedimento si è reso necessario tra le altre cose perchè nel 2011 finora dall’accise sono stati incassati 3 milioni e 80mila euro. La decisione ha fatto insorgere il capogruppo dell’Idv, Carlo Costantini che accusa duramente il presidente della Giunta e commissario per la sanità, Gianni Chiodi, del quale chiede le dimissioni: «Un presidente di Regione che dopo tre anni di ‘filierà assoluta (il Pdl al potere ovunque, dal governo nazionale, ai condomini) e dopo tre anni di potere assoluto sul bilancio della Regione (è commissario alla sanità, che assorbe il 90% della spesa complessiva) mette ancora le mani nelle tasche dei cittadini e sceglie di farlo nella maniera più odiosa, utilizzando l’aumento del bollo auto, che scarica i suoi effetti su tutti i cittadini e non solo su quelli che possono, è un presidente oggettivamente fallito – ha spiegato – Un presidente che non ha più nulla da dire e non ha più nulla da fare, salvo continuare a chiedere sacrifici a chi, in partnership con il suo leader nazionale, ha già ridotto a pelle ed ossa. Gli abruzzesi, come gli italiani con Berlusconi, non vedono l’ora di liberarsene. Ne prenda atto e si dimetta, lasciando ai cittadini la possibilità di voltare pagina – ha concluso – e di recuperare fiducia nel futuro». Il presidente della commissione Bilancio, Emilio Nasuti, (Pdl) ha sottolineato «che con il provvedimento si cancella l’aumento dell’accise e si introduce l’aumento del bollo auto, una misura più sociale e giusta».
”L’alternativa dell’imposta di bollo auto e’ piu’ equa e meno penalizzante per chi viaggia con mezzi di bassa cilindrata: in questo modo un ferrarista paghera’ di piu’ rispetto a chi possiede una Cinquecento”.
Il singolare paragone e’ del presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, che stamane, in sede di Consiglio, ha difeso la scelta di aumentare del 10 per cento, dal prossimo primo gennaio, la tassa automobilistica. ”Mentre il surplus sulla benzina riguardava tutti e allo stesso modo – ha argomentato meglio – l’incremento del bollo incidera’ progressivamente su chi puo’ permettersi di piu”’. Poi, rivolto ai banchi dell’opposizione ha tuonato: ”Se il bollo auto non va bene, l’accise sulla benzina neppure, quale e’ la vostra proposta per risanare i debiti della sanita’, frutto della politica scellerata del passato’?”.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi