Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo, nuovo ddl per utilizzo fondi fas

Abruzzo, nuovo ddl per utilizzo fondi fas

Coerenza degli interventi in un unico percorso strategico; funzionalita’ degli strumenti attivati rispetto agli obiettivi; razionalizzazione delle iniziative; concentrazione delle risorse economiche; selezione delle progettualita’; affiancamento e assistenza nei processi; informazione e comunicazione sul territorio.

Sono le priorita’ del disegno di legge regionale per la promozione e lo sviluppo del sistema economico regionale (la cosiddetta legge sull’Industria), appena approvato dalla Giunta regionale d’Abruzzo, illustrato stamane dal Presidente della Giunta e dal vice ed assessore allo Sviluppo economico, Gianni Chiodi e Alfredo Castiglione. ”E’ una legge che ci consentira’ di utilizzare al meglio i Fas, altro che legge senza risorse – ha esordito il Governatore – Si inserisce nel solco dell’azione politica di una Giunta che ha consentito all’Abruzzo di poter essere considerata, sia per il 2010 che per il 2011, la Regione ad aver coniugato meglio rigore e sviluppo. Non e’ un caso che l’Abruzzo nel 2010 sia stata la seconda regione per crescita del Pil e addirittura la prima, nel 2011, per incremento del tasso di occupazione”. Il progetto di legge ha l’obiettivo di incentivare lo sviluppo del sistema economico, fornendo supporto normativo alle azioni strategiche che, all’interno del proprio disegno di politica industriale, l’Assessorato allo Sviluppo economico sta ponendo in essere. Completa, dal punto di vista legislativo, il processo di riordino territoriale avviato con le leggi sull’artigianato, il commercio, i consorzi fidi e con la riforma dei consorzi industriali. E va a colmare un vuoto legislativo, perseguendo con decisione l’obiettivo di rimuovere gli ostacoli che frenano lo sviluppo, rilanciando gli investimenti e con essi l’occupazione, la crescita sostenibile, l’innovazione e la ricerca. Altro aspetto centrale dell’articolato e’ legato alla contemporanea legiferazione su tutti gli ambiti che vengono investiti nella pianificazione a livello delle politiche di sviluppo. In tal senso sono stati individuati strumenti quali: l’Intesa Quadro Istituzionale (IQI, l’Accordo di Programma Regionale (APR); il Contratto di Sviluppo Locale (CSL); il Contratto di Riqualificazione Produttiva (CRP).

A tali strumenti se ne aggiungono altri, quali il Fondo rotativo per le Pmi che potra’ detenere in pancia somme rinvenute dal bilancio regionale, piuttosto che dal Fondo unico per le agevolazioni alle imprese di carattere nazionale.

Print Friendly, PDF & Email