Ultime Notizie
HomeTutte le agenzieAbruzzoAbruzzo. Microcredito: finanziamenti all’1% per le microimprese

Abruzzo. Microcredito: finanziamenti all’1% per le microimprese

Dal 9 marzo e fino al 17 marzo sarà possibile presentare le domande di partecipazione alla riapertura termini del III avviso pubblico per l’erogazione di microcredito nell’ambito della gestione del “Fondo microcredito FSE-PO FSE Abruzzo 2007-2013 obiettivo Competitività regionale e occupazione”.
Saranno ritenute ammissibili solo le istanze pervenute ad Abruzzo Sviluppo entro e non oltre il 30 marzo 2016. Tuttavia, l’invito è quello di fare presto, e di presentare le domande subito per accrescere le chance di vedere finanziato il proprio progetto.
La dotazione finanziaria di questo Avviso, già pubblicato sul sito di Abruzzo Sviluppo che è il soggetto gestore, è pari a 9 milioni di euro.
In aderenza con quanto previsto nel Fondo Microcredito FSE, i finanziamenti saranno concessi a favore di iniziative imprenditoriali e di lavoro autonomo, costituende o costituite, supportate da adeguata progettualità, presentate dai soggetti che si trovino in difficoltà ad accedere ai canali tradizionali del credito di seguito specificati: microimprese, che assumono la forma giuridica di ditta individuale, di società di persone, società cooperative; lavoratori autonomi o liberi professionisti.
L’entità del prestito per le persone fisiche (ditte individuali, lavoratori autonomi, liberi professionisti) ha un importo minimo di 5.000 euro ed uno massimo pari a 10.000 euro); per le persone giuridiche (società di persone e società cooperative) ha, invece, importo minimo di 10.000 euro ed uno massimo di 25.000 euro.
Per la restituzione del prestito, che è concesso ad un tasso agevolato dell’1 per cento, sono previste 60 rate mensili, incluso il periodo di preammortamento di sei mesi a tasso zero.
Fidimpresa, il Confidi di Cna L’Aquila, in qualità di operatore territoriale del bando, è a disposizione presso i propri uffici siti in Via Pescara 2/A “Strinella 88” per offrire assistenza gratuita a chi fosse interessato a presentare domanda.

Il provvedimento rappresenta una piccola iniezione di fiducia per le microimprese, ma certamente si attende un’applicazione finanziaria di maggiore risalto, considerando che in media l’artigianato e PMI contribuiscono al PIL con il 41% e con l’occupazione al 58%, ma il mondo del credito bancario interviene con un investimento del 20% che non produce un effetto congruo per il settore.

Print Friendly, PDF & Email